Omicidio Willy Branchi, gli indagati per omicidio sono due

willy branchiAncora una svolta, l’ennesima, in uno dei casi irrisolti, da più di 31 anni e tra i più inquietanti: stiamo parlando dell’omicidio di Willy Branchi, il 18enne di Goro trucidato nel 1988.

Dopo la notizia, a maggio, di uno o più indagati per omicidio, ora si è emerso che si tratterebbe di due persone, due fratelli.

Si sta stringendo il cerchio attorno alla verità su una vicenda che, a quasi 31 anni, risulta ancora ancora irrisolta.

Il 30 settembre 1988, il corpo senza vita dell’allora 18enne di Goro, Willy Branchi, venne trovato martoriato appena fuori dal paese. A poco più di un mese dal 31esimo anniversario di quel macabro ritrovamento, dopo tante, tantissime ombre, potremmo essere nelle fasi decisive dell’inchiesta riaperta dalla Procura qualche anno fa. A metà maggio scorso la notizia dell’iscrizione di una o più persone nel registro degli indagati nel fascicolo dell’omicidio di Willy Branchi. Ora, come riportato dal quotidiano “Il Resto del Carlino Ferrara” e dalla trasmissione di Italia 1, “Le Iene”, emerge che si tratterebbe di due persone, due fratelli.

Sarebbero due persone a cui, la Procura di Ferrara e il Nucleo Investigativo dei carabinieri, sarebbero arrivati incrociando attività tecnica e testimonianze. Ora quindi cresce il numero degli indagati: agli ultimi due finiti sul registro degli inquirenti, infatti, si aggiungono le persone di Goro indagate per false informazioni.

Nel corso delle indagini sulla morte di Willy Branchi, a fine anni ’80, venne prima accusato e poi scagionato Valeriano Forzati, un pluri-pregiudicato della zona legato alla Mala del Brenta, che però, secondo i giudici, era estraneo ai fatti: venne assolto quando era già morto in Argentina in attesa di estradizione. Il caso venne così archiviato per mancanza di prove. Poi, il coraggio della famiglia di Willy e di chi la sta aiutando a ricostruire la verità, passo dopo passo, ha riaperto le indagini cinque anni fa e ora potremmo essere a una svolta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 
141 queries in 1,574 seconds.