2 giugno, sindaco Alan Fabbri: “Giornata storica da dedicare a medici e infermieri” – INTERVISTA

“E’ un 2 Giugno molto particolare quello che celebriamo quest’anno. La  Festa della Repubblica assume oggi, infatti, un significato ulteriore di orgoglio e coesione che sento di dover dedicare a tutti coloro che in questi mesi hanno fatto fronte comune contro il diffondersi del Covid 19 e, in particolare ai nostri medici e ai nostri infermieri, che hanno lottato con grandi sacrifici per l’Italia, per gli ammalati, per le famiglie e per tutti noi.

Così il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, a latere della cerimonia che si è tenuta oggi per la Festa della Repubblica, prima a Palazzo Giulio d’Este con la Cerimonia di imbandieramento del Palazzo a cura dei Vigili del Fuoco, poi in Piazza Trento e Trieste con la deposizione corona alla Torre della Vittoria.

“In questa lotta contro il virus, in questo cammino verso un ritorno alla normalità, la giornata di oggi  è anche un traguardo: da domani, infatti, si riapre la possibilità di viaggiare tra le regioni italiane, mentre a Ferrara, in particolare, da domani, non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. Dalla mezzanotte scatterà, infatti, l’ordinanza sindacale di revoca del provvedimento che si era reso necessario a causa di situazioni potenzialmente a rischio, che si erano create nelle scorse settimane. Oggi, i numeri parlano di una situazione migliore e positiva in termini di contagio, ed è il momento di guardare davvero ad un domani migliore ad una rinascita economica e sociale, prendendo, ancora una volta, come riferimento per il futuro i valori di questa data storica che segna per l’Italia un passaggio tanto importante”.

Dopo la cerimonia il sindaco si è recato a Palazzo Giulio d’Este per la cerimonia di consegna delle onorificenze OMRI, durante la quale ha premiato Franco Perinati, artigiano e già cavaliere dell’Ordine al merito dal 1995. Perinati dopo il pensionamento si è dedicato attivamente alle attività di volontariato, impegnandosi in attività civili e sociali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *