22° Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

valori LgbtCi siamo ormai. Che dire di nuovo in questo 25 Novembre 2021?  Sul tema vi invitiamo a leggere il documento siglato dal  Centro Donna Giustizia,con U.D.I., C.G.I.L., C.I.S.L, U.I.L. Ferrara, che pubblichiamo sul sito integralmente, da cui stralciamo  alcune frasi che vorremmo suonassero come un imperativo categorico per tutti, Istituzioni e cittadini.

 

Ci sono dati agghiaccianti nel documento che il Centro Donna Giustizia,con U.D.I., C.G.I.L., C.I.S.L, U.I.L. di  Ferrara, hanno elaborato per invitare ad una riflessione su questa 22° Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Un documento che sarà distribuito nelle piazze della città e della provincia di Ferrara il 25 novembre prossimo, per capire se dopo tanti anni di mobilitazione e impegno delle donne delle associazioni e delle istituzioni si affaccino quest’anno, in cui il tema della parità di genere è stato al centro di tante iniziative politiche, non ultima il W 20, che ha fatto sentire con forza la voce di tante donne ai capi di stato del G20, degli elementi significativi di novità.

Senza retorica, né pathos  o autocommiserazione, il documento va alla ricerca di azioni di prevenzione che facciano compiere una vera svolta alla situazione  di stallo cui assistiamo in Italia nella conta quotidiana di femminicidi e azioni violente contro le donne da parte di uomini di cui è difficile tracciare un profilo standard, tanto è varia la distribuzione sociale e culturale del fenomeno.

La violenza contro le donne non può più essere “normalizzata” o tollerata come un aspetto esasperato di una cultura sessista, che continua ad alimentare discriminazioni e disuguaglianze nel lavoro come nella organizzazione sociale… Le donne non sono nate per essere vittime, lo diventano e non è un destino inevitabile…” dice il documento,  che sottolinea come l’elemento di novità messo in campo quest’anno nel nostro Paese e in Europa sia l’accento posto con forza sul contrasto alla violenza economica, la meno analizzata e più insidiosa violenza di cui le donne sono vittime .

Servono  misure concrete per fermarla, misure che sono state inserite come misure trasversali nel PNRR e vche  nascono dalla necessità di colmare sia il  divario di diritti alla base di una odiosa sottovalutazione del ruolo della donna in famiglia, nel lavoro, nella società, sia dalla convinzione che proprio questa disparità di diritti freni lo sviluppo dell’intero  Paese sia sul piano culturale che economico.

Un’affermazione che per la prima volta  viene riconosciuta come centrale nelle politiche di sviluppo del Paese e che potrebbe davvero rappresentare la svolta attesa.

Da Wikipedia

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, con l’invito rivolto a governi, organizzazioni internazionali e ONG a organizzare il 25 Novembre di ogni anno attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema. La data della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne segna anche l’inizio dei “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere” che precedono la Giornata mondiale dei diritti umani  il 10 dicembre di ogni anno, promossi nel 1991 dal Center for Women’s Global Leadership (CWGL) e sostenuti dalle Nazioni Unite, per sottolineare che la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *