Referendum in Italia: 73 dal 1946 ad oggi

Sono 73 i quesiti referendari a cui gli italiani hanno dovuto votare dalla nascita della Repubblica ad oggi: il primo fu proprio quello istituzionale. Poi sono arrivati altri 67 quesiti abrogativi, uno consultivo e tre costituzionali, mentre il quarto – sulla riduzione del numero dei parlamentari – si è svolto in questo fine settimana

Si inizia il 2 giugno 1946° a votare secondo l’Istituto giuridico del referendum, che comporta la richiesta rivolta agli elettori di esprimere  il consenso o il dissenso rispetto a una decisione riguardante singole questioni; Il 2 giugno 1946 Il voto popolare, espresso attraverso un referendum Istituzionale,  porto. alla caduta della monarchia e alla nascita della Repubblica con l’elezione di un’Assemblea Costituente.

Nel nostro Paese si possono avere diversi tipi di referendum. I referendum  confermativi, con i quali si chiede al popolo di far entrare in vigore una legge,  non hanno bisogno di quorum per essere approvati, basta che i voti favorevoli siano superiori a quelli contrari, idem per i referendum costituzionale, come quello su cui gli elettori si sono espressi in questo week end,

I referendum abrogativi, sono invece destinati ad abolire una legge o un decreto legislativo e perché abbiano vigore bisogna che i votanti raggiungano il quorum del 50%+1, ovvero la metà degli aventi diritto al voto più almeno un singolo voto. Lo disciplina l’articolo 75 della Costituzione, una norma che a partire dagli anni ‘890 ha più volte vanificato la buona riuscita del referendum

In Italia a tutt’oggi 67 referendum su 73 sono stati di natura abrogativa. I  confermativi (o non abrogativi) solo 4, a partire da quello del 1946, uno  consultivo del 1989 per il mandato costituente al Parlamento europeo.

Fra i costituzionali, gli ultimi due del 2016: il referendum  sulla riforma “Boschi – Renzi” su: “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”. Vince il “No” con il 59.12% dei voti validi, e  quest’ultimo, relativo alla riduzione di un terzo dei parlamentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *