25 aprile: le celebrazioni a Ferrara

“Il 25 aprile è una data importante per la storia del nostro Paese, una data in cui ricordiamo, da 75 anni, la Liberazione dell’Italia prima di tutto dagli oppressori, dall’odio e dall’intolleranza verso ogni diversa forma di civiltà che non fosse ascrivibile a quella nazi-fascista. I nostri avi hanno combattuto e pagato con duro prezzo la conquista della Libertà, uniti da un solo ideale: combattere affinchè tutti fossimo liberi, uguali e in pace. Sulle fondamenta della guerra i nostri Padri costituenti hanno ricostruito un Paese orientato verso la giustizia e la democrazia, ove il dialogo fra le diverse forze politiche ha rappresentato il tassello fondamentale per la ripartenza sociale ed economica dell’Italia”.

Apre con queste parole la lettera che il sindaco di Ferrara Alan Fabbri ha inviato nei giorni scorsi alle massime autorità, alle associazioni Partigiane, Combattentistiche e d’Arma e ai componenti del Comitato per le celebrazioni del 25 aprile.

A seguito dell’emergenza coronavirus, la cerimonia alla Torre della Vittoria ha visto la deposizione della corona realizzata a nome del Comitato per le celebrazioni da parte del Sindaco e la partecipazione di una sola rappresentanza delle Associazioni partigiane e combattentistiche composta da Marco Ascanelli (presidente provinciale ANPI, in rappresentanza delle Associazioni partigiane), Francesco Bertelli (presidente provinciale Partigiani Cristiani, in rappresentanza delle Associazioni partigiane cristiane), Giorgio Pancaldi (presidente provinciale Associazione Mutilati e Invalidi di Guerra, in rappresentanza delle Associazioni combattentistiche), Riccardo Modestino (presidente provinciale Nastro Azzurro, in rappresentanza delle Associazioni d’arma).

Queste le immagini della mattinata, pubblicate sul profile Facebook del sindaco Alan Fabbri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *