2G FERRARA DESIGN: a Fiorenzuola sarà dura

Sull’inviolato campo della capolista e con tante assenze

Out Luca Ghirelli (ne avrà per 10-15 giorni), senza Vedran Pusic, rientrato in Croazia dopo la scomparsa del padre, e Giovanni Agusto. Così la 2G Ferrara Design domenica pomeriggio (ore 18) sarà di scena a Fiorenzuola, sul campo della capolista del campionato di C Gold, con all’attivo solamente un ko e l’imbattibilità casalinga. Contro Andrea Maggiotto (ex Pallacanestro Ferrara) e compagni ci vorrà la più classica delle imprese sportive, a maggior ragione dopo l’ultima assenza di Pusic. Superata Imola a domicilio, la compagine del coach Adriano Furlani dovrà dare il 120% delle proprie possibilità, ben consapevole che salirà in terra piacentina avendo niente da perdere. Inutile dire che ci vorrà il contributo da parte di tutti, che già nello scrimmage con Molinella di metà settimana si sono messi in evidenza. I senatori dovranno dire la loro, come del resto chi salirà dalla panca dovrà sbucciarsi le ginocchia per il bene della squadra capitanata da Federico Legnani.
“Fiorenzuola ha allestito una squadra da vertice, con l’intero starting five proveniente dalla Serie B e un nome su tutti come Andrea Maggiotto – dice il vice coach dei biancazzurri Mattia Campi -. Affronteremo una squadra lunga, che può permettersi rotazioni a dieci giocatori senza abbassare la qualità, formazione che fa dell’intensità e della pericolosità anche dal perimetro dei propri esterni la carta d’identità. Dal canto nostro dovremo essere bravi a farci trovare pronti anche con rotazioni ridotte, limitando i singoli e rispettando il piano partita che in settimana abbiamo preparato. Consapevoli che ad oggi probabilmente Fiorenzuola è ad un livello superiore a noi, dovremo trovare le forze mentali e fisiche per giocarci una partita a viso aperto dove la pressione ce l’avrà la squadra di casa davanti a un folto e caloroso pubblico. Ripartire dalle cose positive viste contro Imola, carattere e voglia di vincere su tutto e limitare le cose negative sarà la chiave tattica della partita. Vogliamo giocarci le nostre carte – ha chiuso Campi -, consapevoli che, anche se a rotazioni ridotte, possiamo confrontarci con squadre di questo calibro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *