“800/900”: 12 mila presenze per la mostra dedicata agli artisti ferraresi

Finissage 800900 1Si è chiusa con oltre 12.000 presenze la mostra 800/900. Cultura e società nell’opera degli artisti ferraresi.

Tanti sono stati i passaggi dei visitatori nelle tre sedi espositive – Palazzina Marfisa d’Este, Palazzo Bonacossi e Museo di Casa Romei – che hanno ospitato dal 22 settembre al 1 dicembre 57 dipinti, sculture e disegni provenienti dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, dalle Raccolte Assicoop Modena&Ferrara e da BPER Banca.

«La positiva risposta del pubblico è incoraggiante rispetto alla validità di percorsi di collaborazione pubblico-privato, quali il ciclo di mostre che abbiamo promosso in questi tre anni insieme alla pubblica amministrazione e alle principali istituzioni culturali ferraresi», commentano il presidente di Assicoop Modena&Ferrara Milo Pacchioni e il presidente di Legacoop Estense Andrea Benini, tra i promotori della mostra 800/900 e delle due precedenti esperienze: Situazioni d’Arte a Palazzo Crema e Giuseppe Mentessi/Artista di Sentimento alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara.

Finissage 800900 1«Con 800/900 si è voluto portare attenzione non solo a opere importanti del patrimonio del nostro territorio, ma anche ai contenitori che hanno ospitato il percorso espositivo e che con questo sono stati messi in dialogo», precisano i curatori Luciano Rivi di Assicoop, Andrea Sardo del Museo di Casa Romei e Chiara Vorrasi delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea. «La mostra ha portato a una crescita significativa dei visitatori che hanno scoperto tre sedi prestigiose della nostra città, e ne ha valorizzato ulteriormente l’offerta culturale».

«Nella città delle cento meraviglie, come la definiva De Pisis, ci aspetta un lavoro rigoroso e puntuale per un’ulteriore valorizzazione del pensiero artistico di personalità ferraresi, delle loro opere e delle loro vite», commenta in conclusione l’assessore alla cultura Marco Gulinelli. «Fare esperienza delle proprie radici è un motto che individua la necessità di una collaborazione continua con chiunque abbia nel proprio orizzonte uno scenario di bellezza per la nostra città. Oltre alle risorse, il settore cultura non deve mancare, mai, di soggetti che siano veri cultori dell’arte dotati di lungimiranza e di rigorose programmazioni. La cultura è garanzia di libertà, un sistema che si alimenta dalla condivisione e dà luogo a scambi, integrazione, comunicazione e cooperazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.