A Comacchio il turismo culturale allunga la stagione estiva – INTERVISTA

06 fabbri comacchio

Alla vigilia dell’avvio della stagione turistica estiva, è lo stesso sindaco Marco Fabbri, che, intervistato sulle novità che il territorio di Comacchio riserva per l’estate 2015, racconta i molti progetti messi in cantiere per allungare la stagione del turismo.

Regina del turismo balneare dell’alto adriatico, Comacchio con i suoi Lidi vanta da sempre il primato della costa più gettonata dai turisti tedeschi, che amano il confort dei campeggi offerti dai Lidi comacchiesi, la vita all’aria aperta e il contatto con una natura che presenta nell’area del Parco del Delta del Po, scorci di un paesaggio umido e vallivo unico al mondo. Sul turismo Comacchio punta per potenziare l’occupazione giovanile, per questo dice il sindaco Marco Fabbri, il nostro impegno è teso ad allungare la stagione turistica.

Così se il turismo balneare resta il momento più atteso dagli imprenditori turistici, il turismo verde, la primavera slow e il birdwatching animano la primavera, e i week end della sagra dell’anguilla fungono da attrattiva autunnale per i buongustai e gli amanti delle tradizioni enogastronomiche, Comacchio da tempo sta progettando di fare del turismo culturale la carta da giocare per diventare una meta turistica ambita durante tutto l’anno. Con questo obiettivo è stato realizzato di recente il centro di documentazione cinematografica all’interno della Manifattura dei marinati, che inaugura il cineturismo, mentre ai musei e agli scavi nell’area di Spina etrusca e nella necropoli di Santa Maria in Padovetere , dice il Sindaco, si potrà affidare una sorta di vero e proprio turismo archeologico e scientifico.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/06 fabbri comacchio.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/fabbri-comacchio.mp4[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *