Accoglienza profughi ucraini a Ferrara, punto assistenza unico in Fiera

Nei giorni scorsi la Prefettura ha coordinato gli sforzi dell’Azienda Sanitaria di Ferrara e della locale Questura volti ad offrire in un unico contesto i servizi di rispettiva competenza a favore dei profughi ucraini arrivati in provincia.

L’organizzazione messa a punto prevede l’attivazione, a partire da lunedì 14 marzo, di un punto assistenza unico presso il centro Fiere di Ferrara, in Via della Fiera n. 11 presso il quale saranno assicurati, con l’ausilio di mediatori culturali e interpreti e modulistica bilingue, i seguenti servizi:

Servizi sanitari, accessibili dalle 8.00 alle 20.00 tutti i giorni, anche la domenica, per:
-Rilascio tesserino Stp per l’accesso alle cure;
-Tamponi per accertamento positività al Covid ed eventuale percorso di isolamento in caso di positività;
-Vaccinazione anti Covid 19 per adulti e bambini;
-Valutazione della situazione rispetto alle altre vaccinazioni obbligatorie per adulti e bambini, ed eventuale somministrazione (anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella);
-Test mantoux (screening tubercolare);
-Distribuzione mascherine Ffp2.
-Sportello della Questura, accessibile dalle 8.30 alle 13.30 dal lunedì al sabato, per:
– Dichiarazione di presenza in Italia (che lo straniero deve effettuare per legge entro 8 giorni dall’ingresso in Italia);

– Informazioni sul rilascio del permesso di soggiorno per protezione temporanea;

– Orientamento all’accoglienza in collegamento con la Prefettura.

Per i medesimi servizi i cittadini ucraini già sottoposti a tampone potranno in ogni caso rivolgersi agli uffici della Questura di Ferrara, in Corso Ercole I d’Este, 26 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30 e il sabato dalle ore 8.30 alle 12.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.