Acer contesta le accuse di CGIL FP e Sunia – VIDEO

Scontro al vetriolo fra Cgil fp (Funzione Pubblica) più  Sunia (Sindacato unitario nazionale inquilini e assegnatari) e Acer Ferrara, che oggi risponde, contestandole,  alle accuse dei due sindacati.

Dopo un elenco di pesanti critiche ad Acer Ferrara, sulla base del bilancio di previsione 2022,  Cgil fp (Funzione Pubblica) insieme a  Sunia chiede non solo un cambio di passo all’azienda case provinciale, ma anche una nuova goverrnance.

L’attacco è sia politico che personale e inevitabilmente fa arrabbiare i vertici Acer, che rispondono punto per punto alle contestazioni sindacali, ma si chiedono anche non senza perplessità il perché di questo attacco.

Ciò che stupisce, spiega Acer è che a muovere critiche pesantissime sia proprio la Segreteria Funzione Pubblica della Cgil, che internamente non aveva mai sollevato questioni di tenuta del bilancio e che anzi attraverso le assemblea svolte, aveva dato atto ad Acer, di aver promosso una politica di aumento dei servizi all’utenza e di assunzioni di nuovi dipendenti senza precedenti.

Nel mirino di CGIL e Sunia sono gli alloggi vuoti e  il mancato introito legato a questa situazione con le conseguenti difficoltà di bilancio e di ristrutturazione sul patrimonio vecchio e datato dell’ente.

Importante dicono CGIL E SUNIA  anche la voce negativa della morosità reale, che ha maturato la considerevole cifra di circa 12 milioni di euro di cui solo 4 milioni risultano ancora esigibili (rif. Bilancio consuntivo 2020).

Sono difetti di visione e di  inefficienze che si concludono con due sentenze lapidarie a carico dei vertici Acer,  di gestione fallimentare e  di mancanza di programmazione..

Ce n’è abbastanza per indurre l’Acer a rispondere per le rime, rimarcando prima di tutto l’imprecisione dei dati: gli alloggi vuoti non sono 1500, ma 700,  e, aggiunge il comunicato, solo oggi finalmente anche Sunia sostiene la necessità di risorse pubbliche strutturali e non straordinarie,  come da tempo chiesto  pubblicamente da Acer.

Su come, poi,  affrontare il tema alloggi vuoti, esiste una programmazione precisa che è stata  , precisa Acer “declinata nelle relazioni che accompagnano il bilancio”Quanto agli alloggi vuoti di via Sirena, incalza Acer spetta al  Comune assegnarli.

Infine sul tema  morosità il dato reale (peraltro molto inferiore a quello riportato nella nota e in linea con quello delle altre Acer ) e’ certamente preoccupante , ma è governato  e   segnalato da una costante rendicontazione ai Comuni, alla Regione, al Collegio dei revisori dei conti, alla Societa’ di certificazione del bilancio.” Non dovrebbe stupire, commentano i vertici Acer ,  che le condizioni socio-economiche dei nostri assegnatari, siano precarie , al punto da rendere complesso il pagare ogni mese canone e servizi.”

Acer continua contestando sia l’allarmismo sul proprio bilancio in pareggio e senza rischi di default” sia il   discorso della  CGIL, che sembra volutamente ignorare “il lavoro enorme svolto in questi ultimi 10 anni da Acer: riqualificazione urbana,  costruzione di nuovi alloggi a canone calmierato in città e  in Provincia, gestione per conto dei Comuni dei bandi per l’affitto e per la morosità incolpevole, fino alla realizzazione di progetti di inclusione e integrazione sociale” particolarmente importanti in questi  due ultimi anni di pandemia.

In chiusura il tono si fa sibillino: “La sensazione, scrivono i vertici Acer,  e ‘ che si voglia ad ogni costo trovare qualcosa che non va in questa Acer, che evidentemente non piace alla CGIL” nonostante il rispetto degli accordi sindacali, la presa di posizione nei confronti di Federcasa perché  venissero rispettati i contratti di lavoro del personale dipendente e i loro rinnovi , e nonostante  Acer Ferrara  prima in Emilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.