Alloggi Acer, cambiano le modalità di calcolo dei canoni d’affitto – VIDEO

Cambiano le modalità di calcolo dei canoni di affitto degli alloggi di edilizia residenziale pubbliche – le vecchie case popolari.

Oggi la discussione in consiglio comunale.

 

 

Stanno entrando in vigore in tutta la provincia di Ferrara i nuovi canoni di locazione per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, cioè quelle che un tempo chiamavamo case popolari e che sono gestite da ACER, Azienda Casa Emilia Romagna. I criteri sono stati stabiliti da una delibera della Regione Emilia Romagna dello scorso 31 maggio, che fissava al primo ottobre la data in cui far scattare la procedura di adeguamento.

I nuovi canoni terranno conto, non solo del reddito delle famiglie ospitate negli alloggi pubblici, ma anche del valore reale dell’alloggio, della sua posizione, e di altri parametri oggettivi.

m5s acerOggi il Consiglio Comunale di Ferrara ha discusso una delibera – dell’assessore ai servizi sociali Chiara Sapigni – che recepisce le novità introdotte dalla regione Emilia Romagna: i nuclei il cui ISEE annuo è inferiore o uguale a 7500 euro, pagheranno un canone proporzionale al reddito, non oltre il 20% del reddito stesso. Il Canone oggettivo scatta oltre i 7500 euro e divide gli utenhjti in due fasce: di accesso (tra 7500 e 17154 euro di isee) e di permanenza (fino a 24mila euro).

Per il Movimento Cinque Stelle è illogico , dopo una grave crisi economica, adottare meccanismi che possono aumentare il peso del canone di locazione. Per questo oggi, in conferenza stampa, ha illustrato proposte alternative. Altro problema da affrontare, dicono i Cinque stelle, sono gli appartamenti sui quali ACER non riesce ad effettuare adeguata manutenzione.

2 pensieri riguardo “Alloggi Acer, cambiano le modalità di calcolo dei canoni d’affitto – VIDEO

  • 04/11/2017 in 18:59
    Permalink

    il mio reddito e’ di euro 14.101,00 lordi annui(ISE), l’ultimo affitto era di euro 165,00 circa, ora da ottobre e’ 229,01 con aumento del quasi 40%. Vi chiedo se cio’ sia possibile e legale? Granini Idilia di Mesola FE

    Rispondi
  • 20/11/2017 in 19:44
    Permalink

    Anche il mio canone è passato da 290 € a 495, con effetto retroattivo…. A parte l’aumento che è del 40% e forse qualcosina in più. Se mi ricordo da reminescenze scolastiche, una legge od un regolamento o norma che dir si voglia non può essere retroattiva. Ora mi rimangono 700 € al mese per mangiare, vestirmi, sostenere le spese per andare al lavoro e pagare le altre utenze. Se poi mi diventa insostenibile, trovero una sistemazione…. E l’alloggio lo lasciamo a chi avrà più bisogno…. Vedi graduatorie…e poi quello che già pagavo tutti i mesi puntualmente….lo spendero diversamente, magari un mutuo se me lo danno. Ma cosi mi sa che gli incassi certi e sicuri che avevano per tanti si riduranno al minimo, e quindi aumentera la richiesta di fondi per mantenere il patrimonio di edilizia pubblica che quindi gravera su tutti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *