Acquafitness: il Cus giunge 11esimo al criterium F.I.N.

criterium

Nei pressi di Firenze c’erano 29 società in gara

Il Cus Ferrara, a Calenzano (FI), il 19 giugno conquista l’11esima posizione, su 29 società partecipanti, ai campionati italiani F.I.N di Acquafitness. gara che dà ampio spazio alle capacità coreografiche, interpretative ed espressività dei gruppi . “Sono soddisfatto dell’ottimo risultato – dice coach Daniele Matteotti -, le ragazze alla loro seconda competizione sono riuscite a scalare la classifica rispetto a Torino, avvicinandosi sempre di più alla rosa delle otto finaliste. Bilancio positivo alla chiusura di questo anno sportivo, che coincide con il nostro esordio. Determinati più che mai per la prossima competizione che si terrà a febbraio 2017”. Di seguito riportiamo i commenti delle componenti della squadra. “Bellissima esperienza – per Martina Cefali -, siamo arrivate cariche e con tanta voglia di fare bene. È stata una grande soddisfazione perché nonostante fosse solo la nostra seconda esibizione siamo riuscite ad ottenere un’ottima posizione. Ci divertiamo davvero tanto, e ora siamo già pronte per ripartire, ancora più cariche e unite di prima, decise e consapevoli di doverci migliorare soprattutto nei movimenti e nella tecnica, fino a raggiungere una perfetta sincronia”. “Quando il nostro coach ad ottobre mi ha chiesto se volessi far parte di questa squadra ho risposto subito – spiega Eleonora Di Benedetto -, ed oggi sono sempre più convinta della mia scelta! sono felicissima di aver trovato un gruppo di compagne e amiche con cui condividere esperienze fuori e dentro dall’acqua”. “La nostra seconda esperienza al Criterium è stata per me ancora più emozionante rispetto alla prima – per Caterina Ghirardi -, nonostante i sacrifici la passione per questa disciplina non è venuta meno. Ogni volta c’è la voglia di fare meglio e vedere in gara squadre così competitive e di alto livello è uno stimolo sempre più grande a migliorarsi”. “Sono soddisfatta – dice Valentina Garbellini -, per il buon piazzamento ottenuto e per aver migliorato il punteggio rispetto alla prima competizione. Ora, non vedo l’ora di tornare in acqua per cominciare una nuova coreografia in vista del Criterium Invernale”. “”Il criterium non è danza in acqua; non è nuoto sincronizzato; ma è molto più dell’acquafitness – spiega Anna Pocaterra -: ti permette di portare in scena -su un palco “acquatico”- una coreografia con le movenze dell’acquafit”. “Il criterium è così – infine Annalisa Solmi -, fitness acquatico indissolubilmente legato a coreografia e personalizzazione. Poco più di tre minuti in cui occorre misurarsi con la propria energia, fiato ed espressività e dare il 100% per far fruttare il lungo lavoro di preparazione”.

Un pensiero su “Acquafitness: il Cus giunge 11esimo al criterium F.I.N.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *