Agenda 21 riflette sul dopo terremoto

Nasce da un’idea di Agenda 21 che un mese fa dovendo fare i conti con l’incubo del terremoto si è posto il problema di come ripartire una volta terminate le scosse.

Da allora il Comune di Ferrara, attraverso l’assessore all’ambiente Rossella Zadro, ha lavorato per mettere insieme una giornata, il sei luglio, alla Biblioteca Ariostea una tavola rotonda che con numerosi ospiti parlerà di che cosa si può fare il terremoto che ha colpito il nostro territorio. La giornata si chiama  “Emiliani, brava gente” e prevede una serie di riflessioni su come ripartire dopo il sisma.

Il tavolo di carattere nazionale, raccoglierà tutte le Agende 21 d’Italia, toccherà i temi della ricostruzione, delle nuove occupazioni che possono scaturire dalla ripresa post terremoto ma soprattutto parlerà di legalità e trasparenza.

Fra gli ospiti il sindaco di Crevalcore,  rappresentati del sisma del Friuli, di quello de ll’Aquila e di Assisi.

Il tavolo sarà in diretta streaming su Lepida tv ma potrà essere seguito anche dai social network come facebook e twitter.

L’incontro sarà anticipato da un evento musicale che si terrà giovedì 5 luglio nel giardino delle duchesse, alla sera.

L’artista che si esibirà è Cesare Picco e terrà uno spettacolo che spazierà dal jazz al classico.  Alla musica di Picco si alterneranno letture dedicate al terremoto interpretate dal presidente della Fondazione Teatro, Fabio Mangolini. Il ricavato dello spettacolo servirà per salvare il teatro comunale di Ferrara.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=3c684198-05ba-4b68-a420-9eda4d5c04cb&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *