Aggressioni al Gad, incontro in Prefettura: “Controlli intensificati e più rigorosi”

grattacielo

Area Gad in primo piano sulla questione sicurezza. L’attenzione è puntata dal grattacielo fino a via Porta Catena, teatro dell’ultima maxi-rissa.

Oggi Prefetto, sindaco e forze dell’ordine si sono incontrati per decidere come affrontare questa recrudescenza di aggressioni. Una resa dei conti tra gruppi di uomini di origine nigeriana che sabato sera, alle 19, ha destato molta preoccupazione tra i ferraresi.

Una terzo episodio che, messo assieme ai due accoltellamenti della scorsa settimana, sono stati messi al centro della discussione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Ferrara, Michele Tortora, che si è riunito lunedì mattina alla presenza dei rappresentanti delle forze dell’ordine, dell’assessore alla sicurezza Aldo Modonesi e del sindaco Tiziano Tagliani. Confermata la necessità urgente di intensificare i servizi congiunti, da parte delle forze dell’ordine, per garantire la sicurezza. Ovvero i controlli dovrebbero essere più rigorosi: l’obiettivo sarà controllare in maniera ancora più stringente il Gad, coinvolgendo tutte le forze dell’ordine.

Quanto successo sabato sera infatti è preoccupante. Secondo gli inquirenti, la maxi rissa avrebbe coinvolto almeno cinquanta persone. Divisi in due gruppi contrapposti, gli uomini si sarebbero trovati con spranghe, bastoni e bottiglie per poi passare ai tafferugli in via Porta Catena, vicino al Palapalestre. La situazione poteva degenerare se il passaggio delle Volanti della Polizia di Stato non li avessee fatti desistere, per due volte: i due gruppi di uomini poi si sarebbero dileguati.

Un pensiero su “Aggressioni al Gad, incontro in Prefettura: “Controlli intensificati e più rigorosi”

  • 21/06/2016 in 11:18
    Permalink

    questi anno capitoche possono fare quello che vogliono! e che gli italiani sono dei coglioni!l’unica soluzione e l’espulsione di massa ai loro paesi di origine e chiusure delle forntiere! se l’integrazione e questa e meglio non integrarsi!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *