Aido Ferrara riparte dai giovani e dal rinnovo della Carta d’identità – VIDEO

La donazione è un passo di civiltà molto importante, è il gesto d’amore più grande che si possa fare. E da sempre, a trasmettere questo messaggio, fra le associazioni del dono esistenti, c’è anche l’Aido, l’associazione donatori di organi, nonostante in provincia di Ferrara si sia ridotto in pochi anni il numero delle sedi esistenti che oggi sono quattro: Argenta, Tresigallo, Codigoro e Terre del Reno (anche se c’è un referente Aido a Vigarano e Migliarino)

Gli iscritti dell’Aido, in provincia di Ferrara a fine dicembre erano circa 15mila. “Anche se negli ultimi mesi, grazie anche alla promozione messa in atto con Avis ed Admo, si sono iscritti molti giovani dell’Università di Ferrara, a conferma che i ragazzi sono sempre molto sensibili a questi temi, però c’è ancora tanto da fare” spiega Mara Neri, Presidente Aido Provincia di Ferrara. Sopratutto nel dare il proprio consenso.

Sono tre canali che si possono utilizzare nel nostro paese per manifestare la propria volontà relativa alla donazione degli organi: oltre all’Aido, ci sono anche le Azienda Usl e sopratutto il Comune. E’ infatti grazie ad una legge che c’è la possibilità di potersi esprimere, in vita, con una semplice dichiarazione, in merito alla donazione di organi e tessuti, al momento del rilascio del documento d’identità.

In Emilia-Romagna e nella provincia di Ferrara si registra il 78% dei consensi rispetto alle opposizioni (la media nazionale è del 70%) ma sono ancora tante persone che rinnovano la carta d’identità e non si esprimono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *