Al via, la stagione del Teatro Comunale di Occhiobello

Venerdì 14 dicembre inizia ufficialmente la stagione teatrale del Teatro Comunale di Occhiobello organizzata da Regione Veneto, Comune di Occhiobello in collaborazione con l’associazione culturale Arkadiis. In scena alle ore 21 lo spettacolo “L’abisso” di e con Davide Enia con l’accompagnamento musicale di Giulio Barocchieri.

“Il primo sbarco l’ho visto a Lampedusa assieme a mio padre. Approdarono al molo in tantissimi, ragazzi e bambine, per lo più. Io era senza parole. Era la Storia quella che ci era accaduta davanti. La Storia che si studia nei libri e che riempie le pellicole dei film e dei documentari” racconta Enia.
Il primo sbarco l’ha vissuto con il padre, in rapporto ritrovato dopo un lungo tempo di silenzi e distanze. A Lampedusa ha guardato in faccia chi arrivava e chi attendeva. Da un lato, una moltitudine che attraversa terra e mare in condizioni inimmaginabili, dall’altro, un pugno di uomini e donne che cercano di accoglierli, sul confine di un continente e di un’epoca.

In questo spettacolo Enia dà voce ai testimoni diretti di ciò che accade sulle coste di Lampedusa, dai pescatori al personale della Guardia Costiera, dai residenti ai medici, i volontari e i sommozzatori. Una narrazione che rispetta i sentimenti e le angosce, le speranze e i traumi usando i linguaggi propri del teatro (il gesto, il canto, il “cunto”) per affrontare il mosaico di questo tempo presente, che non è soltanto il punto di incontro tra culture lontane, ma un ponte tra periodi storici diversi, fra il mondo come lo conosciamo e quello che potrà essere. Lo spettacolo è tratto da “Appunti per un naufragio” (Sellerio editore), scritto dallo stesso Enia, e vincitore di numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Anima Letteratura (2017), e il Premio Internazionale Mondello, il Super Mondello e il Mondello Giovani nel 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *