Al via “T.E.A.M.”, il progetto della Prefettura di Ferrara

La Prefettura di Ferrara è risultata aggiudicataria dei fondi europei FAMI 2014-2020, all’esito dell’approvazione da parte del Ministero dell’Interno del progetto “T.E.A.M.- Training, Empowerment And Management”, presentato nell’ambito dell’obiettivo specifico “Integrazione e Migrazione legale”.

“Con il finanziamento ministeriale di questo progetto, per un importo superiore a 526.000,00 € – ha dichiarato il Prefetto Campanaro, dopo la sottoscrizione della convenzione – è stato riconosciuto il valore di un’iniziativa che mira a saldare ulteriormente la sinergia esistente in questa provincia tra istituzioni e terzo settore, garantendo un deciso miglioramento della funzionalità dei servizi pubblici attraverso azioni integrate di capacity building, che si rifletteranno positivamente sulla stessa condizione dei cittadini extracomunitari presenti per favorirne l’ inclusione sociale”.

Il progetto sviluppa una importante collaborazione tra la Prefettura di Ferrara, quale ente capofila, l’ASP – Centro Servizi alla Persona del Comune di Ferrara e il Raggruppamento d’Imprese costituito da Associazione Mondo Donna onlus e Mondo Donna, società cooperativa sociale onlus, e prevede la destinazione, per l’intero periodo di durata del progetto sino al 30 giugno 2022, presso gli Uffici della Prefettura e della Questura di Ferrara, di operatori specializzati con il compito facilitare lo svolgimento dei servizi amministrativi rivolti alla popolazione immigrata.

Gli obiettivi del progetto “T.E.A.M.- Training, Empowerment And Management” sono, infatti, tutti orientati a migliorare la risposta della Pubblica Amministrazione nei confronti dell’utenza e mirano a:

rafforzare il ruolo della Prefettura nella governance territoriale della gestione dei migranti, attraverso un più efficace coordinamento con i soggetti istituzionali del territorio e un più intenso lavoro di rete con gli stakeholder pubblici e del terzo settore; incrementare l’efficienza della Prefettura nella gestione dei servizi rivolti a cittadini di Paesi terzi, inclusi i servizi di accoglienza, mediante il miglioramento dei processi organizzativi ed amministrativi e una maggiore sinergia con i soggetti istituzionali coinvolti; potenziare la funzione di informazione, accompagnamento, orientamento e indirizzo degli sportelli della Prefettura e della Questura dedicati all’utenza straniera.

Il progetto permetterà, in particolare, di migliorare efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa locale nei settori della cittadinanza, delle legalizzazioni, delle domande di ricongiungimento familiare, delle richieste di riconoscimento di protezione internazionale ed anche del rilascio e rinnovo di permessi di soggiorno, con significativi vantaggi per l’utenza ferrarese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *