Aldro, in migliaia al corteo “Via la divisa” – VIDEO INTEGRALE

corteo_aldrovandi

Migliaia di manifestanti oggi hanno sfilato per le vie della città nel corteo dedicato a Federico Aldrovandi in cui a gran voce è stato chiesto di togliere la divisa ai 4 agenti di Polizia accusati di omicidio colposo. Un corteo pacifico che si è concluso con l’incontro tra la Patrizia Moretti e il Prefetto di Ferrara.

Un corteo pacifico per chiedere la destituzione dei 4 poliziotti condannati in via definitiva per la morte di Federico Aldrovandi.

Una manifestazione di carattere nazionale a cui hanno partecipato migliaia di persone, ferraresi e non. Presenti, oltre a un uomo ferito nella scuola Diaz durante il G8 di Genova, a Ferrara c’erano anche le mamme, le sorelle e i famigliari degli altri ragazzi ritenuti vittime di violenze.

Lucia Uva, Ilaria Cucchi, al fianco di Patrizia Moretti e Lino Aldrovandi hanno chiesto giustizia per i loro morti. E’ partito così il corteo ‘Via la divisa’. La manifestazione ha preso il via dall’Ippodromo, luogo della morte dell’allora 18enne Federico, dove la madre, Patrizia Moretti, ha deposto una corona di fiori. Tantissimi i presenti, di diverse età.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/corteo_aldrovandi.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/15022014_aldro.mp4[/flv]

Associazioni, politici, anche ultras delle squadre di calcio hanno partecipato al corteo. La manifestazione è stata organizzata dopo che che i ragazzi dell’associazione “Aldrovandi” hanno letto una lettera scritta dal fratello di Federico, Stefano.

Il padre invece, Lino, ai piedi del Castello Estense, ha letto una sua lettera durante la manifestazione. Il corteo, dopo via Bologna e il centro, è transitato in corso Ercole I d’Este dove i genitori di Federico Aldrovandi hanno incontrato il Prefetto, Michele Tortora, a cui è stato chiesto che le istituzioni e le forze dell’ordine si riavvicinino alla gente.

Con questa iniziativa, la seconda di carattere nazionale per Federico Aldrovandi, i manifestanti hanno chiesto anche l’introduzione del numero identificativo per gli appartenenti alle forze dell’ordine e l’introduzione del reato di tortura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *