ALESSANDRIA – SPAL 2-2 (18′ p.t. Corazza, 33′ p.t. Capradossi, 5′ s.t. Viviani, 37′ s.t. Marconi)

E’ mancato veramente poco alla squadra di Venturato per centrare una vittoria che le avrebbe consentito di chiudere con largo anticipo la pratica salvezza. Un successo che i biancoazzurri avrebbero ampiamente meritato. Il rientro di Viviani e Mancosu ha confermato che con loro il tasso tecnico e di personalità la squadra cresce a dismisura. Presenze da cui traggono vantaggio anche i compagni. Lo dimostra la prestazione da applausi di Zanellato e Pinato, che hanno completato un centrocampo parso di altra statura rispetto agli avversari. Peccato per le distrazioni che hanno portato alle reti della squadra di Longo, per il resto mai in grado di chiamare in causa Alfonso, al contrario di del suo collega Pisseri, alla fine risultato il migliore nelle file alessandrine e le varie opportunità sprecate dagli attaccanti. Per la Spal, che ancora sta chiedendosi come Sozza abbia potuto sorvolare sulla spinta di Di Gennaro, in piena area su Mora, proprio negli ultimi minuti, un pareggio che consente di fare un altro passo avanti verso una salvezza sempre più vicina, che potrebbe diventare una certezza, qualora martedì venisse sfruttato il match ball con il Cosenza.

ALESSANDRIA: Pisseri; Prestia, Di Gennaro, Mantovani; Mustacchio (30′ s.t. Pierozzi), Milanese, Ba (24′ s.t. Palombi), Lunetta (12′ s.t. Mattiello), Fabbrini (24′ s.T. Kolaj), Corazza (12′ s.t. Marconi), Chiarello. A disp. Cerofolini, Coccolo, Parodi, Benedetti, Ariaudo, Barilla’, Pellegrini. All. Longo

SPAL: Alfonso 6; Dickmann 6,5, Capradossi 7, Meccariello 6,5, Celia 5,5; Zanellato 7, Viviani 7,5 (24′ s.t. Esposito 6), Pinato 7(40′ s.t. Mora); Mancosu 6,5(24′ s.t. Da Riva 6), Vido 6,5(40′ s.t. Latte Lath), Colombo 5(24′ s.t. Melchiorri 6). A disp. Thiam, Tripaldelli, Crociata, Finotto, Almici, Peda, D’Orazio.  All. Venturato

Arbitro: Sozza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.