Alluvione, a Genova anche la Protezione Civile di Ferrara

protezione civile

Genova sempre in allerta, mentre si contano i danni e i volontari sono al lavoro per liberare le strade dal fango e aiutare la popolazione. Anche da Ferrara sono partite due squadre della protezione civile.

Fino alla mezzanotte a Genova resta l’allerta 2, quella massima. Mentre il capoluogo ligure cerca di tornare alla normalità, dopo l’alluvione che ha causato un morto e danni stimati al momento per 300mln, i volontari sono al lavoro per liberare strade e case dall’acqua e dal fango. Anche da Ferrara due squadre del Coordinamento Provinciale della Protezione Civile sono partite ieri sera poco prima delle 8. 6 persone, con due moduli anti incendio per lavare le strade, e motopompe per liberare case e scantinati dall’acqua.

I volontari ferraresi sono arrivati nelle tarda serata di ieri nella zona Fiera di Genova dove è stata allestita l’Unità di crisi della Protezione Civile, e da questa mattina sono operativi nel capoluogo assieme agli altri volontari. Pronti per partire, qualora ci fosse bisogno, anche i Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Ferrara, che da questa mattina sono ufficialmente in allerta. Potrebbero infatti essere chiamati visto che l’emergenza ligure ancora non è passata. È prevista ancora pioggia e il maltempo sta facendo danni anche in Piemonte. Nell’Alessandrino alcuni fiumi sono esondati e ci sono strade allagate. E non si placano neppure le polemiche: ieri è stato contestato il sindaco di Genova Doria, mentre il premier Renzi dice basta alle accuse e annuncia 2 miliardi di fondi per intervenire sul dissesto idrogeologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *