Il 2012 nel mondo e in Italia

TERREMOTO IN EMILIA TRA MODENA E FERRARASan Silvestro 2012, ultimo giorno di un anno che  ha portato parecchi cambiamenti , nel mondo, nel  Paese, in molti di noi.  Vediamo di ripercorrere gli eventi che si sono imposti maggiormente all’attenzione dei media in questi 12 mesi.

Nel mondo il 2012 sarà ricordato come  l’anno della guerra civile siriana, un conflitto che ha registrato nel corso dell’anno un  crescendo di violenza ed una spirale di crimini contro l’umanità  , che nessuno sembra voler fermare. Sarà ricordato come l’anno dell’uragano Sandy che ha travolto a fine ottobre la costa atlantica degli stati uniti, aggiungendosi ai danni prodotti da una gravissima siccità:danni legati ai cambiamenti del clima, come lo scioglimento dei ghiacciai, che in Europa ha provocato inondazioni  e condizioni climatiche avverse dall’est all’ovest. anche l’Italia si sono registrati fenomeni allarmanti: la siccità estiva, le alluvioni d’autunno in Toscana, 4 morti e migliaia di sfollati, perdite e devastazioni cui va aggiunto il terremoto che fra maggio e giugno ha colpito un’area molto vasta dell’Emilia Romagna, provocato danni e vittime, bloccato un intero sistema produttivo, effetti per alcuni non conciliabili con la magnitudo ufficialmente dichiarata come inferiore al 6° grado della scala Richter. Annunciato come l’anno della fine del mondo secondo il calendario Maya, una bufala che ha impegnato molto i media, il 2012  è stato il quinto anno di una devastante crisi economica internazionale, che se in Italia ha portato a fine 2011 alle dimissioni del quinto (?) governo Berlusconi e reso necessario un governo di emergenza nazionale, il cosiddetto governo dei tecnici guidato dal professor Mario Monti, negli Usa, dove il presidente Barak Obama è stato rieletto a novembre per un secondo mandato, sta minacciando in questi giorni un vero e proprio default. il 2012 è stato l’anno di elezioni alla massima carica dello Stato anche per la Francia che a maggio ha decretato la vittoria contro NicolasSarkozy del socialista  Francois Holland. In venezuela il 7 ottobre Chavez  è stato riconfermato capo dello Stato . il 2012 e’ stato anche un anno segnato da gravissimi fatti di sangue: la strage di bambini ebrei a Tolosa il 19 marzo, l’attentato davanti a una scuola a Brindisi, in cui è stata uccisa una studentessa di 16 anni, Melissa Bassi, le stragi della follia, prima a Denver in un cinema il 20 luglio, in una scuola primaria a Newtown il 14 dicembre, che hanno messo sotto accusa il libero commercio delle armi negli Usa.

Stragi di innocenti e stragi di donne: il femminicidio  contro cui ogni  anno il 25 novembre si mobilita il mondo ormai da anni, per volontà dell’ONU, ha registrato in Italia nel 2012 ben 120 vittime, un fenomeno che miete vittime e si associa alla brutalità di comportamenti propri di paesi, come l’India, dove la donna  viene considerata alla stregua di un oggetto. Di questi giorni  l’ultimo caso di stupro e assassinio di gruppo a New Delhi, ma anche di questi giorni in Italia, il volantino del Parroco di Lerici che attribuisce alle donne la responsabilità della violenza di cui sono vittime.

Il 2012 è stato anche l’anno delle olimpiadi di Londra e dei giochi paraolimpici estivi,  prove di grande valore umano oltre che sportivo, è stato l’anno  del bosone di Higgs , una scoperta realizzata al Cern di Ginevra cui  hanno lavorato e lavoreranno ancora migliaia di ricercatori da tutto il mondo. Molti di loro sono italiani, come per esempio i coordinatori degli esperimenti ATLAS e CMS, o il direttore della ricerca del CERN. Molti sono giovani scienziati, che un po’ per scelta, un po’ per caso hanno partecipato attivamente a una delle scoperte che farà la storia della scienza.. il 2012 in Italia ha visto il  completamento del controverso passaggio al digitale terrestre nelle trasmissioni televisive, mentre  la politica che ha registrato forse il più basso indice di gradimento nel giudizio degli italiani, a causa degli  scandali e della corruzione che hanno portato alle dimissioni di due governatori di regione, è stata segnata da riforme e provvedimenti impopolari, voluti dal governo Monti: riforme che hanno salvato l’Italia dal rischio default, a prezzo di sacrifici e disagi che attendono di essere alleviati, soprattutto in chi ha perso il lavoro a causa di una pesante recessione di cui si stenta a vedere l’uscita. E sempre la politica ha fatto registrare  fatti di rilievo inaspettati: dall’affermazione  del Movimento a 5 Stelle nelle regionali in Sicilia, dove l’astensionismo è salito davvero  alle stelle, alle primarie per la scelta del candidato premier del centrosinistra, che ha dato la vittoria a Bersani e che ha soprattutto riconciliato tanti  italiani alla politica attraverso la partecipazione diretta alla scelta del candidato premier e grazie ad un dibattito serio, finalmente sui fatti del Paese. A fine dicembre, il 21,  l’inaspettata conclusione del governo Monti, che, prendendo atto del venir meno della fiducia nei confronti del suo governo da parte del Pdl, partito di maggioranza relativa, ha rassegnato le dimissioni e indotto il capo dello Stato a sciogliere il Parlamento e ad indire elezioni politiche anticipate, fissate  al 24 febbraio. Un fatto, che sembra aver svegliato gli Italiani dal torpore e dalla rassegnazione: con Mario Monti, a decidere di entrare in politica,  sembrano essere molti Italiani di valore: forse il cambiamento rispetto agli ultimi 18 anni,  parte da qui. Ma non potremmo chiudere questo amarcord senza ricordare Rita Levi Montalcini, grande scienziata e donna di grande umanità, premio Nobel per la Medicina che si è spenta ieri all’età di 103 anni, studiando, come ha detto la nipote, fino all’ultimo minuto di vita. Alla storia della scienza il 2012 affida la testimonianza  straordinaria della sua figura e delle sue scoperte, a noi l’esempio di una vita spesa bene.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=dd296741-6546-466c-8db7-8e6d6f2cd5f6&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *