Ambulanti: le novità sulla normativa

tavolorelatori2706Le sfide future per la professione dell’Ambulante:  sono stati i questi temi dell’appuntamento che Ascom Ferrara  in collaborazione con FIVA Confcommercio regionale (Federazione Italiana Venditori Ambulanti) ha organizzato oggi pomeriggio (27 giugno) a Cento, presso l’Albergo al Castello. L’ incontro dal titolo “Novità normative del commercio su area pubblica”  ha visto i saluti del presidente Ascom dell’Alto Ferrarese Marco Amelio: “in momenti come questi l’incontro periodico con gli operatori è fondamentale per formare: la nostra associazione di categoria deve avere a cura di questi aspetti perché i nostri operatori commerciali devono poter contare su informazioni aggiornate e complete.

Mai come in questo momento il commercio di vicinato e l’ambulantato peraltro costituiscono due elementi fondamentali per la valorizzazione dei centri storici”. All’affollato appuntamento è intervenuto il presidente regionale della FIVA Alverio Andreoli che ha spiegato: “Esprimo soddisfazione per questo incontro che grazie all’apporto dell’Ascom locale ci permette di incontrare il cuore pulsante delle imprese, motore dei centri storici. A questo proposito verrà poi realizzata anche un’indagine regionale sui mercati entro settembre per meglio conoscere questo comparto”.

A moderare il partecipato pomeriggio il direttore generale provinciale di Ascom Ferrara Davide fotoassemblea2706Urban che a margine dei lavori ha colto l’occasione per ricordare che Ascom “intende costituire un coordinamento per tenere costantemente monitorato l’ andamento provinciale nell’applicazione della TARES su tutti i Comuni. Si tratta di un’imposta sui rifiuti che grava come una pesante spada sulla tenuta futura di molte aziende già stressate dalla crisi economica,  da una pressione fiscale asfissiante ed alla prese con il post sisma. Stiamo pensando con gli associati a specifiche iniziative di sensibilizzazione se ci trovassimo di fronte a pesanti impennate nei costi a carico delle aziende”. Sul focus tecnico e legislativo legato all’Ambulantato (circa 10mila imprese in regione) sono intervenuti il direttore dell’Unione regionale di Confcommercio Pietro Fantini che ha spiegato: “Definite la regole del settore ora possiamo confrontarci insieme sui percorsi futuri di sviluppo. Una fase nella quale sarà fondamentale il ruolo dell’ Associazione di Categoria e dei centri di assistenza tecnica”. Una situazione normativa europea che come ha commentato Anna Maria Beckers (segretario FIVA bolognese): “rischiava di avere impatti pesanti sull’ambulantato.

fotoassemblea2706_2Oggi invece grazie ad un lavoro intenso tra i sindacati di settore le stessa regione siamo riusciti ad ottenere una serie di migliorie a favore degli ambulanti che possano avere più tranquillità e sicurezza sul fronte delle concessioni e della professionalità”. Ad illustrare il quadro legislativo Paola Castellini (responsabile servizio commercio della regione Emilia Romagna) che ha rimarcato “come la Regione abbia avuto grande attenzione sul tema dell’ambulantato avendo come preciso obiettivo il mantenimento e lo sviluppo di questa categoria anche nell’ottica di una rivitalizzazione dei centri storici, sempre ovviamente in un quadro di salvaguardia della legalità”. Ad Elena Poschi (responsabile Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Cento) il compito infine di fotografare nel dettaglio il quadro dell’ambulantato tra Cento e frazioni che registra qualcosa come  600-700 operatori professionali che si muovono tra i mercati e le varie manifestazioni del Centese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *