Ami, bilancio in pareggio e garanzie per bus 6 per Cona

bus_6_1

L’Ami, l’agenzia della mobilità controllata da Comune e Provincia chiude il bilancio consuntivo del 2013 in pareggio. Parte degli accantonamenti serviranno a garantire, anche nel 2014, il servizio di bus della linea 6 che collega la città con l’ospedale di Cona.

E’ uno degli autobus più importanti del servizio trasporto pubblico ferrarese perché collega la città di Ferrara con l’ospedale S.Anna di Cona. E’ la linea 6 utilizzata da una grande quantità di persone che la preferiscono, al momento, di gran lunga al treno.

Un servizio che ha costi notevoli, 520mila euro all’anno, garantiti dal Ministero dell’Ambiente ma sino a maggio di quest’anno. Nonostante ciò la copertura finanziare sarà comunque garantita grazie alla Regione che aveva preso pubblicamente l’impegno lo scorso fine gennaio. Una promessa mantenuta e confermata durante i lavori dell’assemblea dell’Agenzia di Mobilità che ha approvato il bilancio consuntivo, chiuso in pareggio contabile dopo gli stanziamenti a fondi rischi ed oneri futuri, per oltre 250mila euro.bus_6

Ami, controllata da Comune e Provincia, ha prodotto degli accantonamenti grazie alla partecipazione a progetti europei, alla gestione finanziaria e ai risparmi su vari costi (l’amministratore unico e il direttore nel 2013 si sono ridotti i propri compensi). Proprio una parte degli accantonamenti saranno utilizzati per coprire i costi del servizio della linea 6, costi che saranno coperti però anche da Comune, Provincia e Tper e appunto dalla Regione Emilia-Romagna.

Dei 520mila euro annuali di costi per la linea 6, 350mila arriveranno dalla Regione, 100mila dal comune di Ferrara ed i restanti 70mila da Ami. Ma quest’anno arriveranno anche 33mila euro dalla Provincia. Le due amministrazioni, sia comunale che provinciale, hanno apprezzato i risultati del bilancio sopratutto in concomitanza di un periodo piuttosto complicato, dove sono state necessarie scelte difficili come l’aumento delle tariffe e, dopo i tagli regionali, la riorganizzazione dei servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *