AMOS MUSCHERI E LA SUA SIMBIOSI CON IL JU JITSU

“Il Ju Jitsu inteso come arte marziale, per me rappresenta un vero e proprio stile di vita. Con lo studio della parte esoterica di questa disciplina iniziata circa 10 anni fa, ho rafforzato ed incrementato la mia dedizione per quest’arte e applicato alla vita di tutti i giorni i principi fondamentali del Ju Jitsu da trasmettere ai miei atleti. Dal punto di vista sportivo e tecnico rappresenta – per me – un metodo per insegnare ai miei atleti metodi e tecniche di difesa personale ma anche dare a loro un importante sbocco sportivo agonistico, essendo uno sport che si presta a tutti i tipi di personalità e fisicità”. Amos Muscheri, classe 1984, e la materassina: un rapporto in “simbiosi”. Nato a Iglesias e residente a Carbonia, la passione per il Ju Jitsu sboccia molto presto: “All’età di 5 anni mio padre mi iscrive in palestra, sotto la guida del Maestro Rocco Di Iorio. Da allora è stato un continuo crescendo – giorno dopo giorno – tanto di diventare il mio stile di vita, intraprendendo il Ju Jitsu ed il Judo”. Una carriera, la sua, vissuta ai massimi livelli: cinque campionati regionali vinti (1997, 1998, 1999, 2000 e 2001). Altrettanti campionati italiani conquistati (1997 a Fano; 1998 a Fano; 1999 a Roma; 2000 a Numana; 2001 a Fano). Un campionato europeo vinto nel 2002 a Parigi (nella specialità Fighting System). “Dopo Parigi”, incalza Muscheri, “ho interrotto la mia carriera agonistica per dedicarmi a quella dell’insegnamento. Nel 2016, però, anche per dimostrare ai miei atleti che è importante mettersi in discussione con le competizioni, ho partecipato ai campionati italiani a Livorno portando a casa un argento nella specialità lotta a terra ed il titolo di campione italiano nella specialità Kick Jitsu. Dal lato tecnico e dell’insegnamento ho conseguito con l’AIJJ il primo DAN e la qualifica di Aspirante Istruttore di Ju Jitsu nel 2002; il secondo DAN e la qualifica di Istruttore nel 2005; il terzo DAN e la qualifica di Maestro nel 2009; nel 2020 il quarto DAN di Ju Jitsu. Per quanto riguarda il Judo, nel 2000 ho conseguito il primo DAN e la qualifica di Aspirante Istruttore e nel 2002 il secondo DAN e la qualifica di Istruttore”. Forte il legame con la nostra realtà: “Siamo molto legati ad essa e soprattutto a Silvano Piero Rovigatti e alle sue importanti nozioni. Il Maestro è per noi un punto di riferimento importante sia a livello sportivo che educativo. La nostra speranza è di poter tornare presto a partecipare ad eventi in zona, magari unendo anche una visita turistica. Infatti a gennaio 2020 il mio esame di quarto DAN l’ho sostenuto davanti al Maestro Rovigatti (massimo grado in Italia) affiancato dal Maestro Igor Lanzoni (Direttore Generale della FJJI)”. Amos Muscheri è, indubbiamente, un punto di riferimento…. un esempio, un orgoglio di questo meraviglioso sport come testimoniano, tra i tanti, a gran voce ed unanimamente i genitori di Fabio (sei anni e da due atleta della scuola); Alessandro (Istruttore della scuola); Federico (Primo Istruttore della scuola); Fabrizio Pusceddu (padre di Federico Pusceddu….. atleta del Maestro Amos Muscheri e ora anche Primo Istruttore della scuola: “Amos Muscheri è per tutti quanti noi un ottimo Maestro e non solo sul tatami. Grazie di cuore a lui”.
Nella foto Amos Muscheri (in orizzontale) con Alessandro Pirellas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *