Anche al bookshop di Palazzo dei Diamanti l’iconico ‘VAIA Cube’ che coniuga sostenibilità e impegno sociale.

Fondazione Ferrara Arte e VAIA hanno deciso di dar vita a una partnership impegnandosi nella valorizzazione e nella promozione della bellezza: la prima lo fa organizzando mostre di livello internazionale in collaborazione con il Comune e le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, mentre VAIA, start up nata nel 2019 a seguito dell’omonima tempesta che aveva devastato i boschi delle Dolomiti, ha come mission la sostenibilità ambientale incentrata nella realizzazione di iconici oggetti di design.

In relazione all’aspetto territoriale, inoltre, ciascuna di queste due realtà opera all’interno di contesti Unesco di notevole pregio: da una parte Ferrara, la città del Rinascimento e il Delta del Po, dall’altra il patrimonio naturale delle Dolomiti.A fronte di questo rapporto la Fondazione Ferrara Arte ha deciso di proporre al pubblico, all’interno dei propri bookshop VAIA Cube, un prodotto con una storia unica: una cassa passiva che produce suoni caldi e profondi, ricavata dal legno degli alberi caduti nel corso della tempesta abbattutasi sulle Dolomiti nell’ottobre del 2018.

L’assessore alla Cultura del Comune di Ferrara Marco Gulinelli plaude alla decisione della Fondazione Ferrara Arte di far parte degli ambasciatori Vaia: “Significa condividere una visione sostenibile, in grado di mettere al centro le persone e le loro comunità. È importante amplificare i valori positivi: a fronte di ciascun esemplare di Vaia Cube venduto, Vaia pianterà un albero per dare nuova vita a boschi e foreste delle Dolomiti, in modo simile all’impegno che il Comune di Ferrara ha assunto recentemente con il via alla piantumazione di 3.400 nuovi alberi sul nostro territorio.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *