Anche il S. Anna impegnato a sostegno della giornata dedicata ai tumori neuroendocrini – “NET Cancer Day”

Il “NET Cancer Day”, la Giornata Mondiale dedicata ai tumori neuroendocrini che si celebra in tutto il mondo il 10 novembre, quindi domani,  ha l’obiettivo di promuovere l’informazione e la conoscenza su questi tumori rari e di difficile diagnosi. Presso l’  molte Unità Operative e molti professionisti collaborano nella presa in carico, diagnosi e terapia di queste malattie attraverso un Gruppo Multidisciplinare che si riunisce regolarmente dal 2017 e che ha discusso più di 300 casi clinici. Tutto questo al fine di migliorare la gestione clinica, e la qualità di vita del paziente.

I professionisti coinvolti nella gestione della patologia, oltre agli Endocrinologi, sono i Medici Nucleari, gli Oncologi, i Radiologi, i Radioterapisti, i Medici dell’Ecografia Interventistica, i Radiologi Vascolari Interventisti, i Chirurghi Generali ed i Chirurghi Toracici, i Gastroenterologi, gli Anatomo Patologi ed altri specialisti che possano aver avuto a che fare con il paziente o possano contribuire alla miglior gestione di quest’ultimo.

I tumori neuroendocrini sono patologie rare, con un’incidenza di circa 4-5 nuovi casi all’anno ogni 100.000 abitanti, la cui diagnosi è spesso tardiva a causa proprio della rarità della malattia e del loro decorso spesso silente per moltissimi anni. In alcuni casi i tumori neuroendocrini fanno parte di una sindrome caratterizzata dalla comparsa di neoplasie a carico di più ghiandole endocrine, causate da specifiche mutazioni genetiche.

Presso l’Unità Operativa di Endocrinologia e Malattie del Ricambio del S. Anna (diretta dalla prof.ssa Maria Chiara Zatelli) i pazienti con tumore neuroendocrino vengono seguiti presso un Ambulatorio di secondo livello dedicato, che effettua circa 300 visite all’anno. I pazienti possono poi essere presi in carico dal Day Service/Day Hospital, qualora siano necessari accertamenti ulteriori o terapie specifiche. In casi particolari, come ad esempio l’esecuzione di manovre diagnostiche invasive o la somministrazione di terapie impegnative, il paziente può essere ricoverato presso l’Unità Operativa. Inoltre, in Medicina Nucleare – diretta dal dott. Mirco Bartolomei – da alcuni anni è anche disponibile la terapia radio metabolica, una delle ultime frontiere per la gestione di queste patologie, che è già stata impiegata per la gestione di centinaia di casi provenienti anche da altre province e regioni. Non da ultimo, in Endocrinologia, è disponibile la Diagnostica Molecolare delle Neoplasie Endocrine Multiple, nell’ambito delle quali si possono manifestare i tumori neuroendocrini. La diagnosi genetica e lo screening familiare possono migliorare la gestione del paziente e facilitare una diagnosi precoce nei familiari.

“Il NET Cancer Day – commenta la prof.ssa Zatelli – è sicuramente uno stimolo per sensibilizzare la cittadinanza nei confronti di queste rare malattie che sono i tumori neuroendocrini, ma può anche essere l’occasione per mettere in luce tutte le professionalità presenti presso la nostra Azienda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *