Ancona-Spal: 1-2 – Video highlights

spal-anconaLe immagini del successo della squadra di Semplici al Del Conero

Un punto e il sogno diventerà realtà, ma le feste biancoazzurre sono già iniziate. Determinante il successo di Ancona, ventesimo stagionale, nono in trasferta, a testimoniare lo schiacciante supremazia della squadra di Semplici su tutte le avversarie. Anche al Del Conero, dopo le fasi iniziali, che vedevano le contendenti particolarmente guardinghe, la Spal prendeva il sopravvento ed al 15′ Zigoni con una girata di prima intenzione andava ad un passo dallo sbloccare il risultato. L’appuntamento con il decimo sigillo stagionale per il nove biancoazzurro era solo rimandato. Rimpallo favorevole e pronta conclusione alle spalle dell’incolpevole Lori, al minuto 17’. Ancona in evidente difficoltà. Con De Vitis e Schiavon, schierati per la prima volta da Semplici ai fianchi di Castagnetti a chiudere tutti i varchi, i dorici erano costretti a cercare la coppia Libertazzi-Bussi con lunghi lanci su cui andavano a nozze Gasparetto, Cottafava e Ceccaroni. Marchigiani costretti e sbilanciarsi e Spal abile nello sfruttare gli spazi come al 25′ quando Castagnetti serviva Schiavon puntuale nell’inserimento quanto preciso nell’infilare il numero uno di casa. Per il centrocampista veneto, alla 128esima partita in maglia biancoazzurra, in cima alla graduatoria delle presenze del gruppo di Semplici, una rete liberatoria. Sembrava proprio che i giochi fossero chiusi, ma alle soglie del riposo Contini usciva a vuoto su un traversone di Pedrelli, regalando a Radi la più facile delle opportunità per accorciare le distanze. Un gol che ricaricava le batterie della truppa di Cornacchini. La Spal questa volta, al contrario di quanto spesso verificatosi nel corso della stagione, rientrava dopo l’intervallo decisa a dimostrare che il primo posto ininterrottamente occupato dalla prima giornata non è frutto del caso. Oltre a non correre rischi costruiva, con manovre corali, in più circostanze opportunità per il tris, ma Cellini(6’), De Vitis(7’) e Zigoni(28’), non capitalizzavano il lavoro dei compagni. Al contrario della Spal, che cercava il gol con azioni ben congegnate, l’Ancona si gettava all’arrembaggio con idee confuse, ma attorno alla mezz’ora aveva la possibilità di rimettere in equilibrio le sorti del match. Ceccaroni tratteneva in area Bussi e l’arbitro indicava il dischetto. Alla battuta andava Cognini, che trovava sulla sua strada un Contini smanioso di riscatto, dopo la distrazione in occasione della rete dorica e questa volta abbassava la saracinesca. Il tutto praticamente in coincidenza con la notizia del vantaggio del Pontedera a Pisa. Gioia incontenibile per i circa 1.500 ferraresi presenti al Del Conero, che non si placava nemmeno quando apprendevano del pareggio della squadra di Gattuso, ben coscienti che la festa era rimandata solo di alcuni giorni, esattamente a sabato, quando anche un pareggio nella gara interna con l’Arezzo ufficializzerà il ritorno in cadetteria, che un’intera città attende da oltre vent’anni conditi quasi esclusivamente da amarezze e delusioni.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.