Maltempo, grandine sul ferrarese. Cia: “Ingenti danni all’agricoltura”

13434782_10208741378359405_1768566073362454629_n

Lidi nord di Comacchio, basso ferrarese ma anche paesi dell’alto ferrarese colpiti dal maltempo, oggi, quando in mattinata e a metà pomeriggio sono caduti chicchi di grandine grandi anche come noci.

Trenta minuti di grandine che ha lasciato “imbiancato” il terreno per diverse ore e colpito, in particolare, le colture orticole specializzate con danni del 100% al pomodoro.

Una grandinata intensa, trenta minuti dalle 9.30 del mattino di oggi, ha provocato ingenti danni a un qualche centinaio di ettari di colture orticole specializzate. Particolarmente colpite le zone del Basso Ferrarese – Bosco Mesola, Santa Giustina, Alberazzo – dove il terreno è rimasto letteralmente imbiancato per diverse ore. Sul pomodoro i danni stimati sono totali, il 100% del raccolto è stato praticamente spazzato via sono stati fortemente compromessi anche seminativi, carote e patate. Cia Ferrara sta monitorando la situazione con i tecnici e sull’evento è intervenuto il presidente provinciale Stefano Calderoni.

13450248_10208741378759415_2895444463864864714_n«Siamo preoccupati – spiega Calderoni – per la perdita dei principali raccolti del territorio come pomodoro, frumento tenero, mais, carote e patate in piena fase vegetativa o quadi pronti per la raccolta. Inoltre le piante che sono riuscite a salvarsi hanno subito un forte stress e rischiano di ammalarsi, compromettendo l’intero raccolto. Un’altra questione che ci preoccupa particolarmente è l’aspetto dei risarcimenti da parte delle assicurazioni per quelle colture ancora in fase di emergenza, dunque senza frutti. Qui le compagnie potrebbero non riconoscere il danno reale o potenziale. Questo vorrebbe dire mettere in ginocchio le aziende che ad oggi, alle porte della stagione estiva, non hanno alcuna alternativa che possa sostituire queste colture.»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *