‘Andrea Samaritani fotoreporter’: presentazione del libro domani alle 17 all’Ariostea e online

Si intitola ‘Andrea Samaritani fotoreporter’ il volume che ripercorre la vicenda umana e professionale del fotografo centese, ricostruita dal fratello Mario, e che domani, venerdì 11 febbraio alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara) e in diretta video sul canale YouTube Archibiblio web.

Promosso dal Centro Etnografico Ferrarese, che nel 2022 ricorda i suoi 50 anni di attività, l’incontro vedrà la partecipazione dell’autore del volume Mario Samaritani, dell’editore Roberto Mugavero (Edizioni Minerva) e dell’etnografo e fotologo Roberto Roda. Introdurrà Angelo Andreotti, dirigente del Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara.

Scomparso prematuramente nell’agosto 2020, il fotografo centese Andrea Samaritani ha segnato con le sue straordinarie immagini, la fotografia italiana di reportage, a partire dalla metà degli anni ’80 del ‘900, quando ha iniziato a collaborare col Centro Etnografico del Comune di Ferrara e con il Centro studi “Fotografia e Territorio”. Con questi istituti si è formato, dando un contributo fondamentale a importanti campagne nazionali di ricerca e rilevamento fotografico del territorio e dei beni etnoantropologici.

È stato poi collaboratore del quotidiano “La Nuova Ferrara” e in anni più recenti de “Il Resto del Carlino”. La svolta professionale è avvenuta però nel 1990 quando ha fondato a Bologna, con Paolo Righi, l’Agenzia fotogiornalistica “Meridiana Immagini”, per la quale ha realizzato innumerevoli servizi fotogiornalistici in giro per l’Italia, finendo per ritrarre il gotha della cultura italiana, intellettuali, scrittori, artisti, personaggi dello spettacolo…

Il volume Andrea Samaritani fotoreporter, è nato intorno a numerose conversazioni raccolte da Mario Samaritani, docente universitario e fratello del fotografo centese che, con accuratezza e sentimento, ha dettagliatamente ricostruito la vicenda umana e professionale di Andrea, creatore di immagini.

– L’accesso del pubblico alla Sala Agnelli è consentito con Green pass “rafforzato” e mascherina FFP2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.