Aperta a Bologna la settimana del G7 Ambiente: tafferugli e contestazione nell’area del Rettorato

Sono numerosi gli eventi che  sotto la sigla #All4thegreen, animeranno la settimana dedicata al G/ Ambiente che si terrà a  Bologna nel fine settimana. Per il Ministro Gian Luca Galletti, grande patron della manifestazione, sarà un’occasione di dibattito, ma anche della candidatura di Bologna al titolo di capitale mondiale dell’ambiente.

“L’ambiente è un problema che riguarda tutti, non solo chi governa o chi ha governato, non solo le imprese, ma riguarda le associazioni, la società civile, il singolo cittadino”. Con queste parole ieri il ministro dell’ambiente GianLuca Galletti ha esordito nel tenere a battesimo  a Bologna il concerto di apertura della settimana dedicata all’ambiente. Un G7 che acquista un significato simbolico, perché cade a pochi giorni di distanza dall’uscita degli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima. Un no secco del Presidente Trump, in nome dello sviluppo dell’industria americana, che, secondo un sondaggio del Washington Post troverebbe contrari il 59% dei nordamericani. Una doppia sfida, per Galletti, questo G7:  sfida a Trump e sfida alla paura che il terrorismo vorrebbe seminare nel mondo.

Economia circolare, lotta ai reati ambientali, sostenibilità, questi i temi al centro di convegni e incontri in programma, a partire, oggi , dal meeting di Rimini, dove dalle 9 alle 19, si terrà The Voice DEV4Climate. Il connubio tra economia e ambiente, è indispensabile per poter portare avanti le politiche ambientali, ha sottolineato il Ministro Galletti, che ha individuato nell’economia circolare, nel contesto della quarta rivoluzione industriale, il terreno su cui si giocherà nel prossimo futuro la competizione tra le aziende in Europa e in Italia.

Anche oggi, tuttavia,  non si è fatta attendere la protesta, ampiamente annunciata nelle scorse settimane,  da parte dei gruppi antagonisti, che già ieri avevano manifestato la loro opposizione al summit: questa mattina gli attivisti del collettivo Hobo, in un una nota, hanno annunciato di aver accolto Galletti “scaricando in Rettorato, dove era atteso dal Rettore, prof. Francesco Ubertini,  “60 chili di letame” davanti alla porta che conduce al Rettorato e alle segreterie degli studenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *