Argenta, disinnescato ordigno bellico della seconda guerra mondiale – VIDEO

Gli artificieri in forza all’8° reggimento genio guastatori paracadutisti dell’Esercito Italiano sono intervenuti in località Boccaleone nel comune di Argenta (FE) per disinnescare un pericoloso residuato bellico risalente al secondo conflitto mondiale.


L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione statunitense dal peso di 500 libbre (227 Kg) ad alto potenziale esplosivo, è stato rinvenuto all’interno di un campo agricolo durante i lavori di aratura. Prontamente, è stato posto in condizioni di sicurezza da un team di specialisti dell’8° reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “FOLGORE” di Legnago (VR).

Le delicate operazioni di bonifica, coordinate dalla Prefettura di Ferrara e dal Comando Forze Operative Nord di Padova, sono iniziate alle ore 07.00 a seguito del completamento delle procedure d’evacuazione che hanno interessato circa 530 residenti all’interno dell’area di sgombero.

La Prefettura di Ferrara, per l’occasione, ha costituito il C.O.M. (Centro Operativo Misto) presso la sede del municipio di Argenta (FE).

Gli artificieri hanno prima messo in sicurezza l’ordigno per poi rimuoverlo e trasportarlo presso un fondo agricolo nel comune di Alfonsine (RA) dove è avvenuto il brillamento. A garanzia della massima cornice di sicurezza, gli specialisti del genio dell’Esercito Italiano hanno costruito una struttura di mitigazione realizzata secondo il progetto elaborato dal Centro di Eccellenza C-IED dell’Esercito. Questa ha permesso di ridurre significativamente la distanza di sgombero orizzontale e verticale, limitando il disagio per la popolazione residente.

Nel corso del 2020 i guastatori paracadutisti della Brigata “Folgore” hanno condotto 400 interventi di bonifica per un totale di circa 1200 ordigni neutralizzati (di cui 14 bombe d’aereo) nelle sette province di competenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *