Arriva “Jazz 4 stroke”, quattro appuntamenti con la musica “di gran classe” al Parco Urbano dal 30 giugno

Apre i battenti giovedì 30 giugno alle ore 21,00, all’interno del Kafé Bacchelli presso il Parco Urbano di Ferrara, la rassegna musicale ‘JAZZ 4 STROKE’. Organizzata dall’Associazione ALI.Ce Ferrara Odv con il patrocinio del Comune di Ferrara, la rassegna consiste di quattro appuntamenti con la musica dal vivo, che si terranno a cadenza settimanale dal 30 giugno al 21 luglio.

Sul palco si avvicenderanno quattro diverse formazioni, ciascuna a rappresentare una diversa accezione del linguaggio jazzistico, dallo smooth jazz dei Night Mood, alla musica brasiliana dei Sambooka, dal soul sofisticato con contaminazioni etniche di Akustika Blue alle raffinate ballad italiane ed internazionali dei Sophisticated Pop. Come tutti i progetti di A.L.I.Ce Ferrara Odv (associazione per la lotta all’ictus cerebrale) anche ‘JAZZ 4 STROKE’ si rivolge a tutta la popolazione, in questo caso coniugando la musica alla prevenzione ed al riconoscimento dell’ictus, in un ambiente naturalmente semplice ed informale.

Il Presidente di AliCe Claudio Mari non è nuovo all’organizzazione di eventi capaci di coniugare la musica di qualità all’informazione su tematiche importanti. Sfruttando le proprie competenze musicali e l’esperienza acquisita negli anni come musicista e DJ presso storiche emittenti radiofoniche ferraresi, ha messo a punto una formula capace di sensibilizzare il pubblico su temi importanti attraverso la musica e la convivialità.

Proprio con questo intento è nato il progetto ‘JAZZ 4 STROKE’.

Giovedì 30 giugno, alle ore 21,00, sarà il turno dei ‘NIGHT MOOD’, formazione che gravita attorno al nucleo fondatore di tre musicisti ferraresi: Massimo Mantovani al pianoforte, Stefano Peretto alla batteria e Bessie Boni alla voce, e che vede in quest’occasione anche la presenza di Stefano Melloni al sax. Il gruppo propone un repertorio che spazia da standard jazz a soul e R&B ed ha come proprio tratto distintivo sonorità eleganti, urban e “notturne”, da cui appunto il nome “Night Mood”. Il repertorio del gruppo consta di brani di Randy Crawford, Anita Baker, Will Dawning e Diane Schuur, accanto ad originali rivisitazioni del songbook di Ella Fitzgerald e Billie Holiday. Da anni insieme sia a livello discografico che nelle esibizioni dal vivo, i musicisti di Night Mood sanno esprimere al meglio le proprie individualità partendo da un comune background jazzistico che rimane percepibile anche nei brani dal sapore più easy listening.

Giovedì 7 luglio è di scena alle ore 21,00 il quartetto ‘SAMBOOKA’ con “Around Brazil”. Il progetto di Alessandro Russo, pianista, arrangiatore e compositore, vede Alessio Giusti alla chitarra, Marco Raimondi alla batteria e Paolo Ferrari al basso elettrico. Una serata all’insegna di bossanova, latin jazz e sonorità brasiliane che conferma la poliedricità di questo musicista, capace di spaziare dalla fusion al pop e alla world music, nell’ambito di progetti sempre colti e di valore.

Protagonista della serata di giovedì 14 luglio è il quartetto ‘AKUSTIKA BLUE’. Nato a fine anni Novanta da un’idea del chitarrista Alessandro Cardi, il gruppo propone un repertorio di brani soul, pop e blues, con qualche concessione alle sonorità etniche della world music. Riarrangiamenti originali, che pongono in risalto il virtuosismo della voce e la versatilità della chitarra, creano ad un tempo un’atmosfera intima e coinvolgente. Il repertorio di Akustika Blue spazia da brani di Tuck & Patti, Olita Adams e Simon & Garfunkel a pezzi dalle sonorità più esotiche tratti dal songbook dell’artista israeliana Noa e dell’artista sudafricana Miriam Makeba). La formazione è composta da Alessandro Cardi (chitarra), Riccardo Guirrini (sax), Bessie Boni (voce) e Stefano Peretto (batteria).

A chiudere la rassegna, giovedì 21 luglio, salirà sul palco il duo ‘SOPHISTICATED POP’. Protagonista sarà la voce di Paola Baccaglini, che proporrà ballad italiane ed internazionali con la classe e la misura che da sempre la contraddistinguono, accompagnata alla chitarra da Giancarlo Caleffi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.