Ascom-Confcommercio, Tari: “Segnale importante a favore delle imprese di Ferrara

Le bollette dei rifiuti, nel comune di Ferrara, verranno alleggerite con una serie di contributi sulla quota fissa della TARI, dando sollievo alle attività di vicinato.

“E’ una buona notizia – commenta Giulio Felloni, presidente provinciale di Ascom Confcommercio Ferrara – valutiamo positivamente il lavoro del Comune di Ferrara ed in particolare degli assessori Alessandro Balboni e Matteo Fornasini che si sono impegnati in questa direzione per fare fronte alle nostre richieste. E’ una soluzione tempestiva ad una delle questioni più urgenti e pesanti – il pagamento della TARI – che hanno assillato in questi mesi di emergenza sanitarie le imprese del Commercio, Turismo e Servizi. Oltre un anno nel quale le aziende erano chiuse totalmente o parzialmente e dunque non hanno prodotto rifiuti ma nel quale hanno comunque ricevuto bollette spesso astronomiche” Nei giorni scorsi si è tenuto l’Osservatorio Comunale sui Rifiuti  nel corso del quale l’assessore Balboni (delega all’Ambiente) e Fornasini (delega al Bilancio) hanno dunque indicato il percorso individuato con HERA e che verrà realizzato entro la fine del mese di aprile. “Le imprese sono stremate ed era necessario intervenire con celerità – conclude Davide Urban direttore generale di Ascom Ferrara – siamo a disposizione con i nostri uffici per dare, nel caso, tutta la consulenza ed il supporto necessario ai nostri associati per avere la loro situazione aggiornata stabilendo un filo diretto con HERA”.

In pratica verranno erogati dei contributi (tramite nota di credito) che abbasseranno gli importi della quota fissa (che rappresenta il 75% della bolletta). Tali importi saranno in funzione di una tabella con percentuali di contribuzione diverse ( a seconda delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria alle attività in oggetto (alberghi, bar, ristoranti negozi di vicinato, palestre, cinema, parrucchiere…).  Il budget per abbattere i costi della TARI erogato dal Comune è di 565mila euro e già nei prossimi giorni dovrebbero partire i primi assegni (bonifici)  a favore delle imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *