Assembramenti in un locale: la Polizia sanziona un agriturismo

Nella serata di martedì 17.08.2021 personale della Squadra Amministrativa della Questura ha effettuato un controllo amministrativo presso un agriturismo, in quanto il proprietario da alcune settimane allestiva l’area esterna annessa alla piscina con un DJ set, intrattenimento musicale e ingresso a pagamento per over 16 anni.

Al fine di verificare se venivano rispettate le vigenti normative COVID-19, una giovane Agente è entrato (fingendosi una cliente) alla serata pagando il relativo biglietto, comprensivo della consumazione di una bevanda, verificando che nella zona antistante il gazebo dove il DJ intratteneva i giovani con musica di vario genere, era presente un assembramento di ragazzi che, senza mascherine e senza il rispetto del distanziamento sociale, ballavano incitati dal predetto DJ.

Il restante personale della Divisione Amministrativa ha fatto accesso formale riscontrando la prosecuzione dell’attività di ballo nella pista antistante il DJ set. Inoltre, nelle due aree di somministrazione di bevande e alimenti, i baristi e i cambusieri non indossavano i dispositivi di protezione individuale.

Alla vista del personale operante, gli addetti alla sicurezza hanno sollecitato sia i dipendenti sia i giovani in coda alle casse ad indossare le mascherine e anche il DJ comunicava più volte di rispettare il distanziamento in pista.

Durante l’intervento sono stati identificati 12 dipendenti del locale tra cassieri, baristi, pizzaioli e cambusieri e gli 8 addetti alla sicurezza.

Al proprietario del locale è stato contestato lo svolgimento dell’attività di discoteca vietata dalle norme vigenti, la musica è stata abbassata, i giovani hanno interrotto il ballo, si sono distanziati ed hanno indossato le mascherine.

Allo stesso è stata notificata, altresì, la chiusura provvisoria dell’attività in argomento, con decorrenza dal 18.08.2021 a domenica 22.08.2021, al fine di impedire la prosecuzione o la reiterazione in applicazione di quanto previsto dall’art. 2 del D.L. 16 maggio 2020, n. 33, convertito con modificazioni dalla L. 14.07.2020, n. 74.

Al titolare è stato comunque consentito il proseguimento della ristorazione, dell’attività di affittacamere e l’uso della piscina solamente fino alle ore 20.00.

Dalle ore 20.00, per tutto il periodo di chiusura, il proprietario non potrà somministrare alimenti e bevande, nè tanto meno allestire l’area esterna con intrattenimenti musicali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.