Assistenza malati Alzheimer: Rifondazione Comunista consegna esposto alla procura – INTERVISTE

rif_comu

Esposto in Procura da parte di Rifondazione Comunista sul mancato rispetto delle leggi nazionali da parte dei Comuni sulle norme che riguardano i malati di Alzheimer. E’ il procedimento presentato dal partito questa mattina.

Perché c’è così tanta disinformazione tra familiari dei pazienti di Alzheimer e i Comuni? Questa la domanda che Rifondazione Comunista di Ferrara gira direttamente alla Procura con un esposto consegnato venerdì mattina ai magistrati in cui si chiede anche se esistono profili di livello penale su una questione complicata ma che il partito sta portando avanti da diversi anni.

Il problema nascerebbe dal mancato rispetto delle leggi nazionali sulle norme che riguardano i malati di Alzheimer. A tal riguardo, per Rifondazione, ci sarebbe molta disinformazione da parte dei familiari dei pazienti e a detta del partito nessun Comune di Ferrara si è ancora applicato per colmare questa lacuna comunicativa. Si tratta del pagamento della retta per l’assistenza socio-sanitaria ai malati, parte della quale dovrebbe essere a carico del settore pubblico ma che in realtà, alla fine, si accollerebbe il figlio, il coniuge o il parente del paziente. Il sostegno economico ci sarebbe per Rifondazione Comunista se i parenti facessero richiesta ma questo non avverrebbe per mancanza di informazione.

I Comuni in merito qualche risposta scritta l’hanno rilasciata ma senza convincere il partito. L’esposto è stato presentato sulla base della sentenza di Cassazione di un caso nato a Treviso e conclusosi nel 2012 in cui i famigliari sono stati rimborsati per le spese sostenute per l’assistenza al proprio caro malato.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/rif_comu.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/10 prc alzheimer.mp4[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *