Astrazeneca: primi studi e terapie sulle possibili complicazioni

E’ stata denominata “Vitt”, acronino inglese che sta per trombocitopenia trombotica immune indotta da vaccino, la complicazione grave e rarissima che sia Ema che Aifa hanno ammesso poter avere un legame causale con il vaccino AstraZeneca, raccomandando che il vaccino AstraZeneca sia riservato a soggetti di età superiore ai 60 anni.

La situazione rimane ancora confusa, ma la buona notizia è che esiste una terapia per curarla, quando diagnosticata precocemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *