Attacchi terroristici, monsignor Negri: “Non si può insistere su dialogo unilaterale con Isis”

mons Luigi Negri vescovo di Ferrara - Comacchio“La tragedia di Parigi non dovrebbe destare in noi stupore e sorpresa; certamente immenso dolore, cordoglio e vicinanza alle vittime, ma non sorpresa o stupore.

Che potesse accadere qualcosa di grave in Europa era evidente da tempo, viste le minacce che si sono andate intensificando e precisando”. Sono parole di Monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio, che ha pubblicato un intervento sul proprio sito internet.

Monsignor Negri riflette sugli eventi di Parigi e chiede un ripensamento delle strategie con cui l’Occidente affronta queste terribili minacce: in questo Occidente – scrive – non si può aver più paura del cristianesimo che dell’ISIS, com’è evidente in tanta cultura post-ideologica. Non si può – di fronte ad una minaccia che non conosce il rispetto – insistere solo sul versante di un dialogo unilaterale nei confronti di chi non ha nessuna volontà, né intenzione, né disponibilità a dialogare. Un serio esame di coscienza di tutto l’Occidente, chiede Negri, senza escludere chi esercita la coscienza a cui l’arcivescovo richiede maggiore severità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *