Aumentano percosse e minacce in città. Questore: “Gad non abbandonato a se stesso” – INTERVISTA

danna-1

Dall’analisi dei dati relativi al periodo primo gennaio 20 dicembre 2014 relativi all’attività svolta su tutta la provincia di Ferrara, dalla Polizia di Stato e presentati dal Questore di Ferrara, Orazio D’Anna, emerge, nel confronto con il 2013, una sostanziale stabilità del numero complessivo dei reati commessi, con qualche aumento soprattutto per quanto riguarda il fenomeno furti in abitazione.

Tra i numeri che caratterizzano l’impegno della Polizia di Stato, ci sono 33.587 persone identificate, 118 arrestate, 658 denunciate in stato di libertà, 9.644 interventi delle Volanti, circa 9 chilogrammi di stupefacenti sequestrati e 160 cittadini extracomunitari espulsi. In particolare, gli uomini della Polizia di Stato hanno tenuto d’occhio, come emerge anche dalla cronaca, alcune aree della città e tra questa, la Zona Gad che – sottolinea il Questore – nessuno può dire che sia stata abbandonata a se stessa.

Tra i numeri che destano qualche preoccupazione e che – come ha ricordato Orazio D’Anna – potrebbero essere. il frutto di un certo disagio sociale, l’aumento in città delle lesioni volontarie, + 12 per cento, percosse, + 29,7 minacce, + 11,1 per cento e le ingiurie, + 34,9. Sono soprattutto i giovani a rendersi protagonisti di questi episodi di violenza che come altri, da un paio di mesi, possono essere denunciati nel più completo anonimato, mandando un sms al 43002. Concludendo il bilancio della Polizia di Stato, il Questore D’Anna ha voluto esprimere il suo ringraziamento a tutto il personale, Questura, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria e Polizia Postale e delle Telecomunicazioni, per l’impegno profuso, a costo anche della propria incolumità ed ai quei cittadini che, con la loro collaborazione, hanno fornito indicazioni importanti per risalire ai colpevoli di alcuni reati.

 [flv image=”https://www.telestense.it/img-video/danna.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/02-ordine-pubblico_20150105180319.mp4[/flv] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.