Azzerati Carife, rimborsi automatici del 30% per i redditi inferiori ai 35mila euro – VIDEO

Accordo raggiunto, oggi, sui rimborsi, fra gli azzerati delle banche ed il governo. Passa linea del Ministro Tria che prevede rimborsi automatici del 30% agli azionisti con un reddito individuale sotto i 35mila euro. Nonostante i rimborsi in arrivo si registra qualche malumore tra gli azzerati ferraresi, che hanno partecipato all’incontro che si è tenuto a Palazzo Chigi.

 

 

Rimborsi forfettari diretti del 30% agli azionisti che hanno un reddito irpef 2018 inferiore a 35mila euro oppure per chi possiede beni mobili inferiori a 100mila euro, mentre nel restante dei casi è previsto il ricorso a un “arbitrato semplificato” davanti alla commissione dei 9 esperti indipendenti creata ad hoc.

E’ questa la proposta illustrata dal Governo alle associazioni dei risparmiatori che di fatto sancisce il via libera alla linea del doppio binario portata avanti dal ministro dell’Economia Giovanni Tria, per evitare di incappare in un rifiuto da parte della commissione Ue.

Alla trattativa, che si è svolta a Palazzo Chigi, oltre al premier Conte e il ministro Tria, i sottosegretari Villarosa del M5S e Bitonci della Lega, erano presenti una settantina di rappresentanti di risparmiatori. Una proposta votata a larga maggioranza che però ha registrato alcuni pareri negativi, soprattutto fra gli azzerati delle banche venete. La volontà iniziale del governo di dare corsia diretta a tutti è vietata dalle norme europee è stato spiegato al tavolo.

“E’ una vittoria a metà” ci spiegano gli azzerati ferraresi che hanno partecipato all’incontro perché se da una parte i quattrini verranno presto sbloccati dall’altra il rimborsi per le famiglie non saranno totali

“Molte famiglie potranno avere almeno il 30% dei rimborsi in tempi rapidi ma continueremo ad impegnarci” ha spiegato Katia Furegatti di Azzerati Carife. Una conquista per gli azionisti, anche se non è completa spiega Milena Zaggia, del Movimento Risparmio Tradito “Per me è un inizio, non è quello che avevano promesso in campagna elettorale ma non ci fermeremo” sottolinea l’azzerata Carife

Soddisfatti a metà anche gli Amici di Carife “Avevamo chiesto il rimborso completo e la rivalutazione attualizzando le somme ma questo non è avvenuto” ha sottolineato il Presidente Marco Cappellari. Gli azzerati durante l’incontro hanno mosso rilievi soprattutto sulla tipizzazione dei profili: “Le sei banche hanno storie diverse, spiega Cappellari e come risparmiatori indicheremo i gravi problemi di tipizzazione con ‘le violazioni massive’

Nell’incontro è stato definito anche il 95% dei rimborsi agli obbligazionisti. Tutti dovranno comunque fare un’istanza per poter ricevere i rimborsi che altrimenti non arriveranno in automatico.

conte azzerati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *