Nuova Carife: vendita entro giugno

01-carife-destino-segnato-1024x576

Dovranno essere completate entro il mese di giugno le operazioni di vendita delle quattro Nuove Banche – tra cui la Nuova Carife – che sono state create dal decreto del governo dello scorso 22 novembre.

Lunedì alle 18.00 scadevano i termini per far pervenire le manifestazioni di interesse da parte di Istituti credito e fondi di investimento: ora, a questi soggetti – dopo una prima selezione – il Fondo di risoluzione della Banca d’Italia, che dal 22 novembre è il proprietario delle quattro banche, farà pervenire un primo documento descrittivo e una lettera di procedura contenente una serie di informazioni sugli istituti di credito in vendita. Sulla base di questa documentazione verranno richieste manifestazioni di interesse più circostanziate per procedere a una seconda selezione.

Tra i soggetti che hanno manifestato interesse – i cui nomi non sono stati diffusi ufficialmente – figurerebbero la Banca Popolare dell’Emilia Romagna, interessata a Carife, e la Popolare di Bari, che potrebbe essere interessata all’acquisizione della Cassa di Risparmio di Chieti. E poi fondi di investimento come Apollo, Blackstone e altri. Non è escluso, riferiscono le agenzie di stampa, che tra i soggetti che hanno manifestato interesse possano crearsi delle cordate che acquisiscano in blocco le quattro banche per poi spartirsele successivamente.

Una certa rapidità nel concludere le operazioni di vendita è tra gli obiettivi del Presidente delle quattro Good Bank Roberto Nicastro, e anche dell’Europa. D’altra parte, si tratta di recuperare la fiducia dei consumatori nel mondo bancario, e anche la rapidità operativa, in questi casi, può contribuire. Intanto le procure che stanno indagando sul passato delle quattro banche, per appurare eventuali illeciti, si sono incontrati riservatamente a Bologna lo scorso lunedì. L’incontro tuttavia non avrebbe avuto l’obiettivo di coordinare le indagini, che rimangono comunque separate, ma di confrontarsi su alcun aspetti di carattere tecnico giuridico, non ultima la natura dei resti da contestare nelle diverse circostanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *