Barricate, Ministro Alfano: “Gorino non è lo specchio dell’Italia”

gorino-barricate“Di fronte a 12 donne, delle quali una incinta, organizzare blocchi non fa onore al nostro paese. Poi certo tutto può essere gestito meglio, possiamo trovare tutte le scuse che vogliamo, ma quella non è Italia. Quel che è accaduto non è lo specchio dell’Italia”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano durante una trasmissione televisiva.

“Non mi interessa se la protesta sia stata organizzata o meno – prosegue il titolare del Viminale – io sto a quello che vedo e quello che vedo è qualcosa che amareggia e che non è lo specchio dell’Italia”. Il nostro paese, ha aggiunto, “sono i ragazzi di Napoli che aiutano i soccorritori sul molo quando arrivano i migranti, o il medico di Lampedusa Pietro Bartolo che non guarda a orari”.

05-fotonews-bersani
Pier Luigi Bersani

“Non confondiamo Goro o Gorino in quell’episodio, ci sarà qualcuno di Goro e Gorino a fare qualcosa del genere ma non ci credo ci sia tutto il paese. Guardiamoci meglio”. Così Pier Luigi Bersani risponde in Transatlantico ai giornalisti che gli chiedono una valutazione sulle barricate alzate contro i profughi nei due Comuni in provincia di Ferrara.

L’episodio di Goro e Gorino è molto grave e molto triste. E’ la prima volta che capita in Emilia-Romagna, regione la cui storia e tradizione, oltre che il presente, sono fatte di accoglienza e integrazione. E’ assurdo arrivare a tanto, ad alzare barriere”. Sono le parole della vicepresidente della Giunta regionale Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini sulla vicenda.

“Non intendiamo sottovalutare o banalizzare i segnali di disagio di alcuni nostri concittadini, senza, lo ribadisco, che si raggiungano gli eccessi di oggi, inaccettabili e totalmente da respingere” aggiunge la vice-presidente che spiega: “Da tutte le forze politiche arrivano segnali di sofferenza quando le strutture di accoglienza sono piene e quando non rimane ai prefetti che l’ultimo strumento – la requisizione di strutture – che non passa attraverso la concertazione con gli enti locali e la Regione. Per evitare tutto ciò – chiude la Gualmini – occorre lavorare a una ripartizione bilanciata dei richiedenti asilo. In Emilia-Romagna solo il 50 per cento dei Comuni accoglie, dunque l’altro 50 per cento non lo fa”.

Alan Fabbri
Alan Fabbri

«Il presidente della Provincia, Tiziano Tagliani, ha deciso di delegittimare la protesta dei cittadini di Gorino, sostenendo che tra i richiedenti asilo destinati all’ostello posto “sotto sequestro” ci sono donne incinte: ebbene, se le cose stanno così, queste ultime vanno trasportate dove ci si può occupare di loro, non in alloggi di fortuna, che servono unicamente ad alimentare il business dell’accoglienza.» Replica il capogruppo regionale della Lega Nord, Alan Fabbri alle polemiche innescate a sinistra e successive alla protesta dei cittadini di Gorino.

Perché, «ascoltando Tagliani e il Pd, sembra quasi che la protesta sarebbe stata legittima se nel pullman che ha trasportato gli immigrati ci fossero stati soltanto uomini» Invece, la gente è scesa in campo spontaneamente, non appena ha capito che l’ostello sarebbe stato “sequestrato” su iniziativa del Prefetto, per farne l’alloggio dei cittadini stranieri arrivati lunedì sera. «Provincia e prefettura hanno alimentato soltanto il caos – dice Fabbri – anche per via di una comunicazione del tutto assente nei confronti dei cittadini. Manca un controllo, in tutta questa situazione, senza accertamenti sulle strutture che vanno ad ospitare gli immigrati. Fabbri inoltre ai cittadini di Gorino dice: “Si sono comportati da eroi”.

E sono davvero tanti i commenti della politica sulle barricate di Goro.

calvano
Paolo Calvano

A destra interviene anche l’ex senatore Ferrarese, Alberto Balboni, oggi alla direzione nazionale di Fratelli d’Italia, che dice: “”Gli abitanti di Gorino non sono bruti razzisti e non devono affatto vergognarsi, come dicono all’unisono presidente della Provincia, prefetto e ministro. “Sono cittadini che hanno difeso la loro libertà” aggiunge Balboni

Il presidente del gruppo Forza Italia in Regione, Galeazzo Bignami invece ha inoltrato subito una interrogazione a risposta scritta in cui chiede alla giunta dell’Emilia-Romagna se non “consideri legittima l’indignazione della popolazione locale di fronte ad un provvedimento così perentorio”.

Sulla vicenda intervengono anche i consilgieri del Pd ferraresi, Paolo Calvano e Marcella Zappaterra. Calvano esprime solidarietà al prefetto mentre la Zappaterra che dice: “Fatto grave, ma serve dialogo tra Istituzioni per la gestione dei richiedenti asilo”.

“Io sto con i cittadini di #Gorino”. È il commento via Twitter del leader della Lega Nord Matteo Salvini, sulle barricate antipropfughi di Goro e Gorino. Stessa frase anche su Facebook, che in un paio di ore ha ottenuto oltre 4.000 like.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *