BASKET: nulla da fare per la Vis nella tana della capolista

Andrea_Gardenale

Stravince Molinella 70 a 52

rutta sconfitta per la Vis Ferrara 2012 che non riesce ad allungare la striscia di 10 vittorie consecutive in trasferta sul difficile campo di Molinella. Vissini che pagano dazio soprattutto a causa di un opaco inizio partita, con una difesa ancora imbambolata mentre i padroni di casa trascinati da un Ricci in serata super scavano il solco decisivo che manterranno fino alla fine. Con una percentuale di tiro surreale nei primi 10 minuti Molinella insacca 5 triple (delle nove finali) e trova canestri facili dalle mani di tutti, costringendo la Vis già alla doppia cifra di scarto a fine primo quarto: 26-14. Icos costretta a soffrire anche nel secondo parziale, annichilita dall’ottima percentuale realizzativa di Molinella che arriva a sfiorare il +20 iniziale, rintuzzato per quanto possibile dalla Vis che chiude in affanno ma ancora mentalmente in partita un primo tempo da incubo: 44-29. Nella ripresa è un’altra Vis quella che scende in campo: più determinati e rabbiosi, i ragazzi di coach Cesaretti provano a gettare il cuore oltre l’ostacolo, arrivando con l’inerzia a favore sul -10 tenendo Molinella ancora a secco di canestri (44-34 al 26’). Partita che nel frattempo si è fatta maschia e comincia ad affiorare un po’ di nervosismo nell’aria. Ed è così che nel momento di svolta del match due falli tecnici sanzionati uno di fila all’altro alla panchina di Ferrara per proteste, chiudono definitivamente i giochi con Molinella brava e cinica a trovare punti e fiducia dalla linea del tiro libero. Padroni di casa che ritrovano ritmo anche in attacco, ritornando a sfiorare il +20 di scarto a fine terzo quarto: 56-38, amministrando poi in tranquillità gli ultimi 10’ fino al suono della sirena finale. Vis che nonostante la voglia e la capacità di reagire, non ha mai saputo essere padrona della partita; d’altro canto complimenti a Molinella, finora squadra caterpillar del campionato e sempre più in vetta alla classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *