BASKET: pausa in C/2

Tarquini

Solo un miracolo può evitare alla Despar4t i play-out

Turno di sosta per la serie C2 di basket nel prossimo week end. A quattro giornate dalla fine della fase di qualificazione spazio quindi ai primi, sommari e per niente certi, calcoli per capire, o almeno provare a farlo, quali possano essere gli scenari futuri per la Despar 4T-SBF.

Cominciamo col dire che la squadra di Tarquini e Schincaglia con ogni probabilità non riuscirà a sfuggire alla poule retrocessione che, come prevede il regolamento, coinvolgerà le ultime quattro squadre dei due gironi di qualificazione. Con gli attuali otto punti, se è vero che la quint’ultima posizione non è matematicamente impossibile è anche vero che i cinque punti da colmare, sugli otto disponibili, sono un gap troppo grande se si considera anche il gioco dei risultati incrociati. Diciamo quindi che diamo per assodato, salvo un vero e proprio miracolo, che la Despar 4T se la dovrà vedere con le altre sette squadre coinvolte nella poule retrocessione.

Nel proprio girone, quello B, le altre squadre con questa certezza sono, in ordine ascendente, il Forlì e i Ghepard. A queste due, oltre alla Despar, dovrebbe/potrebbe aggiungersi Casalecchio che però è in piena bagarre con Granarolo.

Nell’altro girone (A) hanno la certezza della poule retrocessione Persiceto e Novellara, quasi certa anche Carpi mentre l’ultimo posto da assegnare dei quattro parrebbe essere dell’Arbor di Reggio Emilia che, salvo miracoli, non dovrebbe riuscire a raggiungere la compagine del Guercino Cento.

Definite, per così dire, le otto squadre della poule retrocessione bisogna ora fare i calcoli per capire con che punteggio in classifica accederanno le stesse. La regola prevede infatti che le squadre tengano buone le vittorie e quindi i due punti, ottenuti negli scontri diretti con le altre squadre inserite nella poule retrocessione. I calcoli in questo caso sono ancora più ardui. Se infatti delle partite già disputate è facile sommare i punti, più arduo è fare pronostici sugli eventuali scontri diretti non ancora disputati, anche perché nei finali di campionato molte cose possono succedere.

Abbiamo, per gioco, fatto dei pronostici. Se la logica dei risultati fin qui ottenuti vale ancora e la Despar dovesse riuscire nell’impresa di andare a vincere contro i Ghepard in trasferta (risultato difficile ma alla portata) e ripetere il successo nell’ultima di campionato, al Pala 4T contro Granarolo (altro risultato alla portata), la classifica d’ingresso della poule retrocessione dovrebbe essere la seguente: Arbor, Novellara, Casalecchio e Despar 8 punti, Ghepard 6 punti, Carpi 4 punti, Persiceto e Forlì 2 punti.

Al termine degli incontri di questo girone all’italiana (scontri A/R), le prime due squadre saranno salve, le ultime due retrocederanno e quelle arrivate dal terzo al sesto posto spareggeranno ulteriormente con scontri incrociati, al meglio delle tre partite, tra terza contro sesta e quarta contro quinta. Le due perdenti retrocederanno. Ultima considerazione. La poule retrocessione sarà veramente dura se è vero, com’è vero, che quattro squadre su otto torneranno, mestamente, in serie D.
Tutte le previsioni qui fatte sono naturalmente pronte ad essere smentite dal campo, unico vero giudice di questo meraviglioso sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *