Bilirubina, un indicatore fondamentale al centro di un seminario

ImmagineIl 6 giugno, presso l’Ospedale di Cona, si terrà un seminario dedicato alla bilirubina, sia nei suoi aspetti fisiologici che clinici organizzato dalla Clinica Pediatrica della Azienda Ospedaliero-Universitari di Ferrara. Le relazioni saranno dedicate soprattutto agli aspetti biochimici della molecola, ma alcune invece si incentreranno sugli aspetti clinici, come l’ittero neonatale, cioè l’aumento di bilirubina, di maggiore o minore gravità, che si verifica in tutti i neonati e alcune forme di aumento della bilirubina determinate geneticamente. In particolare si parlerà della Malattia di Gilbert, molto comune nella nostra popolazione (interessa il 10% delle persone) che può aumentare il rischio di calcolosi della colecisti.

Il seminario è parte del progetto Europeo Trans2Care di cui la nostra Pediatria fa parte, in particolare nella persona della prof.ssa Caterina Borgna-Pignatti, mentre il ricercatore reclutato nell’ambito del progetto è il dottor Alessamdro Baldan che si occupa di genetica e biostatistica.

T2C sta ad indicare la rete transregionale Italia-Slovenia per l’innovazione ed il trasferimento tecnologico per il miglioramento della Sanità. Il progetto coinvolge e integra le competenze di 13 Istituzioni di ricerca ed ha come leader l’Università di Trieste, nella figura della prof.ssa Sabina Passamonti, cui fanno riferimento i partner di progetto costituiti da un team leader ed un ricercatore.

“Le diverse qualifiche e competenze dei membri del T2C, spiega il dott. Baldan, permettono di andare oltre ai limiti dei singoli partner e produrre risultati migliori. Le nostre differenze sono la nostra forza. T2C è un nuovo modo di fare ricerca, non siamo una piccola realtà chiusa ma un nucleo in espansione”.

La forza di T2C, infatti, risiede nell’unione di diverse competenze che spaziano dall’ambito clinico, al genetico e molecolare fino al biochimico e biostatistico. Il progetto punta al miglioramento del nostro sistema sanitario e alla creazione di nuove opportunità di lavoro per giovane personale altamente qualificato. Si crea quindi una rete di interazioni che avendo come base di partenza la condivisione di informazioni scientifiche, si estende poi anche ai rapporti umani, creando un ambiente internazionale in cui differenti culture si conoscono e interagiscono. Il lavoro di squadra permette di potenziare la ricerca scientifica in Europa in pieno accordo con le direttive della Comunità Europea.

TransCare è molto attivo sul piano della diffusione scientifica. Partecipa a congressi ed organizza seminari divulgativi e di informazione, come ad esempio il meeting sulla bilirubina. Per maggiori informazioni www.trans2care.eu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *