Blitz contro associazione neo-nazista no vax, coinvolta anche Ferrara

Le prese di posizione “no vax” presenti sul sito internet dell’Ordine di Hagal, venivano utilizzate come “richiamo” per avvicinare proseliti alla causa nazista e negazionista. E’ uno degli elementi che emergono da una inchiesta sull’associazione neonazista, partita dalla Procura di Napoli e che ha coinvolto diverse città tra cui quella di Ferrara.

Complessivamente sono circa una quindicina gli indagati.

L’associazione eversiva di matrice neonazista utilizzava, per diffondere l’odio razziale, i social e note chat, come WhatsApp e Telegram. Sono emersi contatti con formazioni ultranazionaliste apertamente neonaziste ucraine e sono state trovate, durante le perquisizioni eseguite oggi, numerose armi “soft air”, fra cui anche un lancia granate, abbigliamento tattico militare e altre attrezzature sulle quali sono in corso accertamenti.

Addestramenti paramilitari si sarebbero svolti in campi nel Napoletano e nel Casertano.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *