BOCCE: giovani in crescita

Belle prove nel Città del Tricolore, a Reggio Emilia

bdr

Il comitato di Ferrara ha partecipato ai tradizionali Giochi del Tricolore con una rappresentativa di giovani atleti provenienti dalle società La Ferrarese, Argentana e Rinascente. Ferrara è stata tra le otto formazioni invitate nella disciplina bocce, specialità raffa, presente alla kermesse reggiana che si è disputata dal 7 al 13 luglio e organizzata dal 1997 per celebrare il bicentenario della nascita del primo Tricolore, con una partecipazione media di circa 3000 atleti di 31 discipline sportive e di 8 discipline paralimpiche. Il CT Renzo Maestri ha convocato gli under18 argentani Mattia Marchi e Leonardo Gallerani, oltre agli under15 ferraresi Amjed Rassas e Matteo Liang. Il sorteggio ha purtroppo messo i bastoni tra le ruote alla compagine della provincia, con il primo incontro a staffetta (individuale, coppia e terna a 24 punti) in cui i giovani boccisti biancoazzurri hanno dovuto arrendersi alla precisione dei padroni di casa (Reggio Emilia 1), che alla fine hanno vinto l’intera gara di bocce. Eppure per Maestri ci sono stati segnali confortanti, anche perché i ferraresi hanno raccolto almeno la metà dei punti rispetto ai più quotati avversari, cosa capitata anche contro Modena ma non con Lombardia 1, formazione che ha chiuso seconda. Tre sconfitte accompagnate da segnali di crescita che fanno ben sperare in vista del week end anconetano del Memorial Gatti di Osimo, esperienza a cui Ferrara tradizionalmente partecipa per far crescere tecnicamente i propri atleti, e soprattutto in vista dei campionati italiani, dove il Comitato parteciperà con 7 atleti (3 nel femminile) e in cui le coppie U18 e U15 possono sognare un posto sul podio. A Osimo scenderanno in campo sabato per la tradizionale “parata dei giovani campioni” gli under12 Kacper Rolfini e Iyad Rassas, l’under15 Matteo Liang e l’under18 Mattia Marchi. Domenica ci saranno anche Elena Zabusyk, Amjed Rassas e Leonardo Gallerani.

In foto: Rolfini, Rassas e Zabusyk, tra i protagonisti di Osimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *