BOCCE: la Porottese alle finali Nazionali

Di 3a categoria, in programma a Roma

Missione compiuta? Non ancora. E’ soddisfatto ma non ancora appagato Leonardo Gigli, presidente della bocciofila La Porottese e commissario tecnico della formazione biancoazzurra che partecipa al campionato di bocce di 3^ categoria. I giocatori del sodalizio di via Ladino a Porotto, tutti veterani, tanti
capelli bianchi ed esperienza da vendere, hanno compiuto una vera impresa, superando ben 5 turni ad eliminazione diretta con incontri di andata e ritorno, ottenendo la qualificazione
per le finali di Roma. Gigli dichiara l’obiettivo finale: il titolo italiano. Eppure la società potrebbe già essere soddisfatta per la vittoria degli incontri preliminari. Il più
difficile, conferma Gigli, è stato il primo contro i ferraresi della Rinascente. Campi ostici, quelli di via Pastro, che hanno messo in difficoltà una squadra nuova e non ancora rodata. I puntisti di terna che si alternano nel corso degli incontri, Augusto Minarelli e Loris Bevilacqua; il mediano e il bocciatore, Gianni Volta ed Ezio Lenzi; l’individualista, Franco Secchiarolo. Dopo un avvio un po’ così, i bocciofili di Porotto hanno oliato gli ingranaggi diventando una vera e propria macchina da guerra, che non ha lasciato scampo ad avversari sulla carta più forti. Al secondo turno è toccato alla Bondenese, altra squadra di veterani “decaduti” dalla 1^ alla 3^ categoria, poi una gita in Romagna per superare Cervia,
altra società che più volte si è qualificata alle finali. La bella vittoria nel derby contro i cugini de La Ferrarese ed infine il trionfo senza sofferenza contro i reggiani di Sandiano, superati 7-1 in trasferta e fermati in casa per mettere in cassaforte il pass per le finali di Roma, dove saranno 16 le compagini partecipanti in una 3 giorni infuocata sulle corsie del Centro Tecnico Federale all’Eur. Assieme ai porottesi partiranno verso Roma gli emiliani della Cavezzese, rinati dopo il terremoto del 2012 che aveva reso inagibile il loro impianto, senza però spegnere la passione che li accomuna con i ferraresi. Il pulmino degli atleti e dirigenti biancoazzurri partirà verso la capitale venerdì 19 maggio 2017, carico di entusiasmo e grinta di atleti e dirigenti. Nel week end le sfide, 4 incontri dagli ottavi alla finale per coronare il sogno. Oltre ai giocatori, con la riserva Fiorenzo Valieri che si spera di recuperare in vista delle finali, partiranno anche Roberto Ermili e Luciano Saletti in rappresentanza della società. Porotto è stata anche protagonista del tradizionale G.P. di Pasqua, gara promozionale a coppie senza vincolo di società, che ha visto al via 24 formazioni. La vittoria è andata alla coppia mista composta da Massimo Borsetti (La
Ferrarese) e Augusto Minarelli (La Porottese), vittoriosa in finale su Agostino Pazi e Enzo Cavallari (La Porottese). Al terzo posto Mauro Guidetti ed Emiliano Pirani (La Ferrarese). Ha diretto l’arbitro e presidente Leonardo Gigli, coadiuvato dagli arbitri locali.
E ora tutti a fare il tifo per Porotto, società dal passato glorioso che, tra l’altro, può anche vantare due titoli italiani. Il primo ottenuto da Gianni Bottoni tra gli allievi nel 1964 il secondo dalla coppia di categoria D formata da Fanti e Galletti nel 2005. La determinazione del presidente e della squadra fa pensare che la società voglia tener fede al proverbiale “non c’è due senza tre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *