BOCCE: week-end nel ricordo di Mesini e Zerbini

Successi per Mazzoni, Lorenzini e Vecchi

La gara di Argenta è appannaggio di Lorenzini e Vecchi, mentre Mazzoni centra la settima vittoria stagionale alla Rinascente.
Un fine settimana ricco di appuntamenti agonistici è appena trascorso sulle corsie del comitato di Ferrara. Due gare, la prima organizzata dalla bocciofila Argentana, la seconda organizzata dalla bocciofila Rinascente, hanno fatto scendere in corsia circa 250 atleti dalle società del comitato di Ferrara e dalle province limitrofe.

Argenta. 56 coppie di categoria mista da Ferrara, Ravenna e Bologna per ricordare Otello Mesini per la settima volta. Mesini, socio fondatore della bocciofila, ex dirigente, istruttore e arbitro della società di via del Fitto, ha lasciato un ricordo indelebile tra i
bocciofili argentani e non solo. La gara, diretta dall’arbitro provinciale Mingozzi, coadiuvato dagli arbitri di partita Filippi, Gallerani e Milandri, è stata combattuta e ricca di emozioni. Nulla di fatto per la nutrita schiera di coppie di casa, di cui quella con la figlia di Otello, Sara, in coppia con Cristian Rubini, ha ben figurato avanzando nel quadro gara e fermandosi ai quarti di finale. Buona comunque la rappresentanza di coppie junior-senior di casa, a dimostrazione del grosso lavoro dell’Argentana con i giovani. Ad
accedere alle semifinali, da un lato i porottesi Pinca e Tartari, opposti a Pedini e Tamburini de La Fontana, dall’altro i bolognesi Vecchi e Simone Lorenzini (Benassi), opposti ai porottesi Saletti e Lenzi. Ad avere la meglio nelle due sfide sono stati Pinca-Tartari e i bolognesi della Benassi, che hanno dato vita ad una finale in cui ad esultare per la vittoria sono stati proprio questi ultimi di categoria C, il sedicenne Lorenzini con il più esperto Vecchi, dopo una combattuta sfida terminata 12-10. Ottima presenza di pubblico giovane e appassionato per tutta la durata dell’evento. Hanno arbitrato i signori Gallerani e Orlandi di Argenta.

Ferrara. 136 individualisti di categoria A, B e C, provenienti da Emilia Romagna e Veneto, con una nutrita schiera di giocatori competitivi e titolati, come il giovane Capeti, vicecampione iridato U21, ed altri assi del boccismo emiliano come Claudio Crotti di Reggio
Emilia, l’esperto Nicola Franceschi di Bologna, l’ex campione italiano Andrea Mazzoni, solo per citarne alcuni. Numerose adesioni per commemorare Giuliano Zerbini, ex socio e giocatore della bocciofila Rinascente e padre di Davide, il primo campione estense a raggiungere la categoria A1 negli anni passati. La famiglia Zerbini, presente al gran completo ad assistere alle finali e a premiare i vincitori, ha potuto vivere un intenso pomeriggio che non ha fatto mancare belle giocate e sfide interessanti. Il rodigino Mischiati, cadetto d’esperienza, ha superato il giovane Capeti ai quarti di finale, incrociando poi le bocce con quelle di Andrea Mazzoni, che ha approfittato del calo del giocatore delle Granzette di Rovigo per accaparrarsi l’accesso alla finalissima. Dall’altra parte il bolognese Franceschi non ha avuto problemi contro Teodoro Marchetti, giocatore della Porottese. La finale è stata una bella sfida tra Mazzoni e Franceschi, con il primo ad avere la meglio con il punteggio di 12-6, tra gli applausi del pubblico e la curiosità del nuovo consiglio direttivo, presieduto dal presidente Enrico Balestra, impegnato nell’organizzazione della prima manifestazione a cui farà seguito il classico G.P. Putinati, gara regionale che si giocherà il 13 maggio. Per il ferrarese in forza alla Sanpierina si tratta del settimo successo stagionale. Sotto la direzione dell’arbitro nazionale Gianni Braghini di Ferrara, hanno arbitrato in campo i signori Droghetti, Ghesini, Chiccoli e Marchetti del Comitato estense.

Gare fuori provincia. Daniele Sgreccia, atleta della Bondenese di Ferrara, ha centrato un bel secondo posto nel G.P. Sindacati, tradizionale gara individuale organizzata dalla bocciofila Persicetana a cui hanno partecipato oltre 330 individualisti di tutte le categorie. Sgreccia, dopo aver superato ben 8 turni, ha dovuto cedere ad un altro ferrarese, il competitivo Daniele Droghetti di categoria A e in forza alla bocciofila Baldini di Bologna. Per Droghetti si tratta di un altro successo di prestigio che lo conferma tra i giocatori di maggior qualità del panorama boccistico in regione.

in foto 1: Lorenzini e Vecchi premiati dal presidente Gallerani e da Sara Mesini
in foto 2: Mazzoni premiato dalla famiglia Zerbini e dal direttivo
della bocciofila Rinascente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *