Bologna, Festival della Partecipazione: sul PNRR i cittadini chiedono partecipazione e trasparenza

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "FESTIVAL DELLA PARTECI PAZIONE"Nel PNRR c’è il futuro del nostro Paese e della vita di tutti noi cittadini, per questo e’ necessario che tutti noi, società civile,  possiamo partecipare alla messa a punto di progetti e politiche che grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza dovrebbero non solo contribuire a far uscire il Paese dalla crisi innescata, per l’Italia sarebbe più corretto dire aggravata, dalla pandemia, ma creare le condizioni per un futuro più equo dal punto di vista dei diritti, migliore sotto il profilo della salute dell’ambiente e delle nostre vite individuali e collettiva.

E’ partita da questa premessa la tavola rotonda che questa mattina si è tenuta in presenza a Bologna, ma è stata anche fruibile on line,  promossa dal Festival della partecipazione. Rappresentanti di numerose associazioni, quali  Action aid, Cittadinanza attiva e Legambiente in Italia e altre affini in Europa hanno raccontato le iniziative messe in campo e future per chiedere ai governi di tradurre in fatti l’impegno ( per l’Italia preso nella legge di bilancio 2021)  di garantire la massima trasparenza agli investimenti con cui il Piano intende modernizzare il Paese.

In ballo ci sono un grande piano di digitalizzazione dei dati, necessari per conoscere le realtà di partenza e di arrivo delle comunità, la trasformazione dei processi produttivi e dei servizi nella direzione della sostenibilità, grazie ai processi della transizione ecologica, un grande piano di riforme strutturali e l’impegno a ridurre i divari fra Nord e Sud, Donne e Uomini e fra Generazioni, assicurando ai giovani il necessario protagonismo, oltre che una formazione e un  lavoro di qualità.

 Fra gli aspetti positivi emersi, l’impegno posto dall’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) per contrastare il rischio di corruzione nei contratti pubblici e la tentazione di fare investimenti non in sintonia con i vincoli posti dall’Europa all’erogazione dei finanziamenti da qui al 2026, mentre molte critiche sono state avanzate alla lentezza del dialogo fra governo centrale e regioni che con i Comuni hanno l’onere di gestire il 50% dei fondi.

Serve molta lungimiranza, si è detto per prevedere un sistema Paese in grado di affrontare eventuali crisi future in modo rapido efficiente e  senza sprechi:  Covid in questa ottica dovrebbe avere fatto scuola, se pensiamo al disorientamento con cui l’epidemia ha colto tutte le Istituzioni oltre che i cittadini.

Partecipazione e trasparenza vanno anche nella direzione di rafforzare la fiducia soprattutto dei giovani nei valori di una democrazia partecipativa, che li faccia sentire al centro del cambiamento.

Fra le richieste quella di istituire un tavolo di lavoro con la Conferenza Stato – Regioni, per creare un confronto costante fra istituzioni e cittadini. Richiesta di cui si farà portavoce Elly Schlein, vicepresidente della Regione Emilia Romagna. Per Nicoletta Parisi di Libenter, la volontà di conoscere e monitorare in  PNRR significa voler partecipare attivamente alla trasformazione e innovazione del Paese promossa dal Piano stesso e contemporaneamente fare del Piano un’occasione da non perdere per  sviluppare una  coscienza di responsabilita sociale nei cittadini.

Dalia Bighinati

La tavola rotonda è stata moderata da Claudia De Lillo, scrittrice, giornalista e conduttrice radiofonica italiana e introdotta da  Anna Lisa Mandorino per Cittadinanzattiva e Vittorio Cogliati Dezza per Legambiente. Sono intervenuti Helen Darbishire, Access Info,Giuseppe Busia, ANAC, Karolis Granickas, OpenContractingPartnership, Nicoletta Parisi, Libenter, Elena Calistru, Funky Citizens Romania, Elly Schlein, Conferenza delle Regioni e Province Autonome: Le conclusioni sono state affidate a Michele d’Alena, Fondazione Innovazione Urbana, Katia Scannavini, ActionAid Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *