Bonaccini a ENI: non chiudere cracking Marghera

bonaccini_pp

Stefano Bonaccini, candidato alle primarie PD per la presidenza della regione Emilia Romagna, è intervenuto oggi sulla decisione di ENI di chiudere l’impianto cracking di Marghera.

Il Cracking, come si sa, è l’impianto da cui provengono i gas che vengono successivamente lavorati nel petrolchimico di Ferrara. Ecco la dichiarazione di Bonaccini: “La decisione di Eni di chiudere il cracking di Porto Marghera rischia di avere ripercussioni rilevanti sul Petrolchimico di Ferrara, e su tutta la chimica nella nostra regione. Tale decisione disattende quanto stabilito in precedenza e va percio’ rivista. C’è inoltre preoccupazione per il cambio di strategia industriale da parte di ENI, e siamo in attesa di capire quali siano i nuovi obiettivi e soprattutto le ripercussioni su tutto il comparto in Emilia-Romagna”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.